meteo

google

mail w

facebook

new02

Novità venite a trovarci anche su “Elettronica PRO”

assieme ai manuali più aggiornati troverete anche le schede dei cercametalli utili per un rapido confronto

new02

normativa cookies

BingSiteAuth

BATTERIE
BATTERIE STANDARD
Il pacco batterie contiene otto pile alcaline, formato ”AA”. Le batterie alcaline sono quelle non ricaricabili consigliate per questo apparecchio.
.
BATTERIE RICARICABILI

Il vostro strumento è fornito di batteria ricaricabile "verde" (priva cioè d'effetto memoria). Questa batteria potrà essere ricaricata centinaia di volte.
Lo stato di carica completo potrà essere ottenuto utilizzando la carica notturna o quella rapida
Una carica completa Vi durerà dieci ore d'uso normale o sei di un uso intensivo [massima potenza, retroilluminazione,senza cuffie].

Ricarica:
Durante la carica notturna non è necessario prendere particolari precauzioni riguardo lo stato di carica preesistente. Al contrario, volendo attuare una carica rapida bisogna indagare lo stato di carica inserendo la batteria nell'apparecchio ed accendendolo. Se ciò non è possibile o se il test del voltaggio indica 8 Volt o meno, effettuate una carica rapida di 5 ore. Se il test batteria indica valori diversi, riferirsi alla tabella delle ore di ricarica per determinare il tempo necessario.
Per effettuare la ricarica, inserite lo spinotto nell'alveolo ricavato nel pacco batterie, vicino ai contatti.
Inserite il carica batterie nella presa a muro.
Si ribadisce che durante la carica rapida non si deve eccedere le 5 ore. Al contrario, la carica notturna durerà un minimo di 14 ore e potrà essere protratta per alcuni giorni (consideratelo un margine di sicurezza, non una procedura abituale).
Rientra nella norma, durante la ricarica, un aumento della temperatura del trasformatore, ricarica batteria e della batteria stessa. Solo in presenza di surriscaldamento di uno dei componenti bisognerà togliere l'alimentazione e contattare il Vostro Rivenditore.
Questo tipo di batteria è soggetto ad autoscarica. Ciò sarà più evidente se la batteria verrà lasciata nell'apparecchio, in connessione elettrica. Si consiglia quindi di estrarre la batteria durante i periodi di inattività. Questi comunque non dovrebbero superare il mese. Se ciò non si potesse evitare, abbiate almeno cura di immagazzinare la Vostra batteria al massimo della carica.
questa batteria, prodotta con tecnologia Nichel Metal Hydride "NiMH", gode della proprietà di essere ricaricata a prescindere dal livello di carica residuo. Si è così ovviato al tanto temuto "effetto memoria".
ULTERIORI INFORMAZIONI RIGUARDO ALLA BATTERIA

Si definisce memoria volatile ogni modifica ai programmi che non sia stata salvata in un Programma Personalizzato. La memoria volatile risiederà fintantoché durerà la carica delle batterie. Per salvarla, tirarla a sé e rilasciare la levetta.
Quando il pacco batterie viene rimosso, tutta la memoria volatile svanisce. La memoria di lungo periodo (salvata nei Programmi Personalizzati) risiederà per una decina d'anni indipendentemente dalla presenza o meno delle batterie nell'apparecchio.
Utilizzando batterie nuove, il voltaggio risulterà compreso fra 10 e 14 Volt. La sola batteria ricaricabile si assesterà rapidamente fra 9-10 Volt per gran parte della sua vita utile. In seguito il suo voltaggio diminuirà rapidamente al di sotto di quello minimo (8 Volt) e s'imporrà la ricarica.

IMPORTANTE

L'indicazione LOW BATTERY (Batteria quasi scarica) comparirà sullo schermo al raggiungimento degli 8 Volt. I sintomi possono essere l'emissione di suoni senza senso o la mancanza di suono, errori nella determinazione della profondità degli oggetti od un generale comportamento anomalo. Per ovviare questi inconvenienti, inizializzate nuovamente l'apparecchio nel modo seguente:
Sostituite o ricaricate la batteria.
Pigiate il tasto ON / OFF (acceso / spento) che compare nella prima figura di pagina 8.
Rimuovete il pacco batterie ad apparecchio acceso.
Attendete due minuti, reinserite il pacco batterie, accendete lo strumento e controllate le sue funzioni.

L'uso a tutta potenza dell'illuminazione dello schermo può dimezzare la durata delle batterie.
LA RICERCA
PROGRAMMI PREIMPOSTATI

Vi sono nove programmi fra i quali scegliere. Ogni programma enfatizza le caratteristiche necessarie al suo scopo.

Coin (monete) è di carattere generale. Discrimina, ovvero rifiuta, la spazzatura più comune, come chiodi, stagnole, tappi corona e roccia mineralizzata. Individua invece la maggior parte delle monete e la gioielleria più consistente..Ricercatori esperti troveranno che forse la discriminazione è eccessiva.

Coin & Jewelry (monete e gioielli) dispone di regolazioni simili al programma Coin ma con minor discriminazione. Ciò è desiderabile a causa della gran varietà di leghe costituenti i gioielli. Bisognerà però aspettarsi di scavare maggiormente.

Jewelry & Beach (gioielli e spiaggia) non si discosta molto dal precedente benché sia tarato sulle peculiarità dell’acqua salata e della sabbia.
 
Relic (cimeli) offre ancor meno discriminazione di Coin & Jewerly. E’ sensibile ad ogni tipo di metallo. Quelli non ferrosi producono una tonalità alta quando la testa cercante è in movimento. Ottone, piombo, alluminio così come rame, argento ed oro daranno uno squillante suono acuto Questo programma è adatto a molti tipi di ricerca, specie quando è necessario individuare tutti gli oggetti ed in seguito separarli con la tonalità e le indicazioni sullo schermo. Se la spazzatura è preponderante, disattivate il MIXED MODE (modo combinato di ricerca) nella BASIC ADJUSTMENT (regolazioni di base), per annullare la risposta al ferro.

Prospecting (ricerca) non discrimina per nulla con i toni audio. Il che equivale a dire che tutti i tipi di metalli i causano lo stesso beep nell’altoparlante. Comunque sullo schermo comparirà il numero di V.D.I. - Visual Discrimination Indication (indicazione di discriminazione grafica) solo per quei metalli che potrebbero essere oro. Scavando solo oggetti che danno luogo ad un numero V.D.I., si eviterà di impegnarsi per del ferro. I ritrovamenti che genereranno un segnale acustico ma non un numero saranno pepite o pagliuzze. Benché i cercametalli ad alta frequenza dedicati alla ricerca dell’oro esprimano maggiori prestazioni, questo è un buon modo per il cercatore d’oro occasionale, essendo capace di rinvenire pepite di nove grani (circa 0,5 g) o più pesanti
.
Customs Programs 1-4 (Programmi personalizzati dall'1 al 4) Vi permettono di salvare i programmi che vorrete elaborare ed assegnare loro un nome identificativo. Comparirà invece il programma Coin nel caso non sia stato salvato nessun programma personalizzato. Quando siano state individuate delle modifiche che meritino di essere riprodotte per un uso futuro, dedicatevi alla lettura del capitolo successivo.
SALVATAGGIO DEI PROGRAMMI PERSONALIZZATI

Fate tutte modifiche che desiderate ai Programmi Preimpostati od a quelli Personalizzati già esistenti tirando e rilasciando la levetta come nella ricerca.
Premete MENU per il MAIN MENU, poi pigiate ENTER per accedere ai Programmi Preimpostati.
Usate le frecce per decidere in quale allocazione di memoria fra le quattro disponibili vorrete inserire il vostro programma, poi schiacciate ENTER.
Dovete ora scegliere una delle tre possibilità:
LOAD (carica) attiverà un programma Personalizzato prioritario qui immagazzinato. Dopo aver salvato o nominato un programma potete selezionare LOAD e premere ENTER per utilizzarlo.
SAVE (salva) immagazzinerà le vostre regolazioni correnti in quella posizione abituale, con un nome generico o con uno che potrete avergli dato. Selezionando SAVE e pigiando ENTER salva il programma d’uso abituale.
NAME (nome) è il metodo preferito. Selezionate NAME e pigiate ENTER. Ora potete usare comandi freccia ed ENTER per dare un nome ai vostri programmi personalizzati. NAME salva automaticamente, una volta che abbiate scelto e premuto MENU.
Per NAME usate le frecce per scegliere il primo simbolo, numero o lettera, del nome e pigiate ENTER. Così di seguito per un massimo di sedici caratteri. Per lasciare uno spazio usare le frecce per selezionare la casella vuota e premete ENTER. Se avete commesso un errore e premuto ENTER con il carattere sbagliato, tenete premuto tale tasto fintantoché quel carattere si metterà a lampeggiare, quindi utilizzate la freccia per selezionare il carattere corretto, poi premete nuovamente ENTER. E’ prudente dare ai programmi personalizzati un appellativo che riguardi l’ambito di ricerca in cui verranno utilizzati. Ad esempio "Trincea", "Molo", "Sonda Piccola", ecc.-
Una volta che avete salvato e premuto ENTER, o dato un nome e premuto MENU, avrete tre opzioni a disposizione.

Premete ENTER, selezionate LOAD e pigiate ENTER per continuare la ricerca utilizzando il vostro nuovo programma.
Premete MENU per tornare a scegliere o sviluppare un programma diverso da quello salvato.
Oppure spegnete l'apparecchio.
(NOTA: i successivi numeri di paragrafo che compaiono a pagina 11 del manuale in lingua inglese sono errati e vanno sostituiti con i seguenti)
Quando l’apparecchio viene riacceso, non importa se il pacco batterie fosse stato lasciato inserito o meno, i vostri programmi personalizzati saranno disponibili all'uso. Sarà sufficiente selezionarli premendo ENTER, portandosi su LOAD e premendo nuovamente ENTER. Seguite le indicazioni Bilanciamento Aria \ Suolo e cominciate la ricerca.
Se avete salvato o dato un nome ad un programma ed ora decidete di non più utilizzarlo, potrete rimpiazzarlo con uno nuovo seguendo la procedura descritta prima. Un vecchio programma può essere cancellato solo se viene sostituito da uno nuovo.
Potete dare un nome ad un programma ed in seguito sostituire il programma mantenendo il nome. Sviluppate prima le modifiche al programma poi utilizzate SAVE per salvaguardare il nome mentre caricate il nuovo programma. Per modificare il solo nome caricate prima il programma, eseguite il Bilanciamento Aria / Suolo, poi premete
MENU ed indirizzatevi nell'area personalizzata, premete ora ENTER.
A questo punto potrete selezionare NAME e premere ENTER, assegnando un nuovo nome ad un programma preesistente.
MEMORIA E QUALCHE ALTRA COSA DA SAPERE

Bilanciamento del Terreno -
Quando un programma personalizzato viene immagazzinato, lo sono pure i settaggi per il Bilanciamento utilizzati l’ultima. Ciò risulterà utile specie per coloro che desiderano regolare manualmente il Bilanciamento per degli usi particolari. Per accedere all'ultima regolazione utilizzata in abbinamento ad un programma personalizzato, per prima cosa selezionatelo, poi premete ENTER. Andate su LOAD e premete ENTER. Non eseguite un nuovo Bilanciamento come suggerito dallo schermo ma tirate e rilasciate la levetta. In questo modo avrete a disposizione la precedente regolazione.

Tasto di Ritorno -
I vostri Programmi Personalizzati ricordano gli ultimi Basic Adjustment (regolazioni di base) ed i Pro Option (alternative avanzate) di cui avete fatto uso (vedi schermata della prima figura di pagina (8). Durante la ricerca è possibile accedervi anche con le frecce. Ciò velocizza molto l'accesso a regolazioni, come la Frequenza di Trasmissione, utili per un uso esperto dell'apparecchio.

Illuminazione e bilanciamento della temperatura dei cristalli liquidi costituenti lo schermo -
Diversamente dal precedente modello di Spectrum, l'XT mantiene in memoria anche queste tarature.

INIZIANDO LA RICERCA

Utilizzate le frecce per scegliere il programma che preferite e schiacciate ENTER, oppure usate le frecce per apportare delle modifiche o sviluppare il vostro programma personalizzato (si consiglia d'imparare prima a padroneggiare disinvoltamente i programmi preimpostati - N.d.T.), quindi tirate e rilasciate la levetta.
Lo schermo vi fornirà ora le indicazioni per il Bilanciamento in Aria dell’apparecchio. Ciò è propedeutico al successivo Bilanciamento sul Terreno. La prima regolazione riguarda l’influenza che la temperatura ed altre variabili possono avere sui circuiti elettronici.
BILANCIAMENTO IN ARIA
Questa regolazione va fatta con la bobina rivolta verso il cielo, lontano da ogni metallo e dal terreno. Quando la procedura risulta corretta, l'apparecchio emetterà il suono raffigurato nel primo disegno di pagina 12 (un beep quando il pulsante verrà premuto ed un secondo quando la procedura sarà terminata), mentre la raffigurazione delle istruzioni relative al Bilanciamento sul Terreno appariranno sullo schermo.
Se invece lo strumento capterà del metallo dal terreno mineralizzato, si ascolterà un suono a più toni (seconda figura di pagina 12), mentre le istruzioni permarranno sullo schermo. Ciò potrà accadere anche in aree interessate da un intenso inquinamento elettromagnetico. Spostatevi da dove vi trovate e ritentare premendo nuovamente ENTER. Perseverate spostandovi ogni volta, sino a che non compariranno le istruzioni per il Bilanciamento sul Terreno.
BILANCIAMENTO SUL TERRENO
Quest'operazione permette all'apparecchio di riuscire ad ovviare alla presenza di minerali che potrebbero degradare la sua capacità di penetrazione e la sua stabilità. La sonda dev'essere avvicinata al suolo come durante la ricerca, premere quindi ENTER. Al termine dell'operazione, l'apparecchio emetterà uno dei seguenti tre suoni, ciascuno con un proprio significato: 
Un beep alla pressione del tasto seguito da un altro beep, indica che l'operazione è riuscita. Iniziate pure la ricerca. (vedi figura 3 di pag. 12)
Una serie di beep discendenti indica che l'apparecchio non ha individuato minerali critici. Ripetere l'operazione per avere conferma, successivamente iniziate la ricerca. Questa è la condizione migliore per effettuare delle prove in aria con oggetti di dimensioni e composizione diverse. (vedi figura 1 di pag, 13).
Una serie di coppie di beep indica che il bilanciamento non è riuscito. Ripetete l'operazione dopo esservi allontanati di una decina di metri. (vedi figura 2 di pag. 13)
Informazioni addizionali riguardo al bilanciamento sul terreno

I settaggi del Bilanciamento Aria / Suolo sono salvati all'interno dei Programmi Personalizzati. Una nuova regolazione viene proposta automaticamente all'atto di scegliere il programma tirando e rilasciando la levetta si potrà mantenere la regolazione precedente. Il bilanciamento automatico ha sempre la priorità sui settaggi manuali.
Esistono delle occasioni in cui l'operatore può desiderare di salvare una regolazione di bilanciamento. Per esempio utilizzando il Programma COIN, se l'apparecchio viene spento ( o se si spegne da solo dopo 15 minuti di inutilizzo) è possibile, premendo ON/OFF e tirando la levetta, riprendere la ricerca. Tutte le regolazioni precedenti, incluse quelle del Bilanciamento del Terreno, saranno state preservate nella memoria a breve termine (volatile) e richiamate dalla levetta. Solo se si dovesse estrarre il pacco delle batterie essa andrebbe perduta. Solo i programmi inseriti in fabbrica e quelli personalizzati sopravvivono alla rimozione delle batterie.
Quando si passa da un programma di ricerca all'altro, verrà fatta richiesta di un Bilanciamento Aria / Suolo se quello nuovo non dispone di una propria regolazione nella memoria volatile.
Vi sono diverse ulteriori possibilità riguardo al Bilanciamento sul Suolo che verranno descritte nella sezione Alternative Avanzate.DURANTE LA RICERCA

Una volta che la procedura Bilanciamento Aria / Suolo sia stata completata, l'apparecchio è ora pronto per la ricerca.
Il modo con cui si muove la sonda è fondamentale per la buona riuscita della ricerca. Questo apparecchio necessita di traslare la sonda da un lato all'altro per segnalare i metalli (è del tipo cioè "motion").
Esercitatevi in un movimento dolce che mantenga sempre la testa parallela e rasente il terreno. Ogni passata deve durare circa due secondi (vedi figura di pag. 14).
Avanzate lentamente con passi pari alla metà di quelli abituali. Assicuratevi che ogni scansione si sovrapponga, per metà, alla precedente e non inclinate la sonda alle estremità della passata (in quei punti perdereste di profondità di ricerca).
Fate lavorare la testa più vicino possibile al terreno (applicate semmai un copri piatto sui terreni rocciosi).
Tutte queste raccomandazioni richiedono un po' di pratica, è normale. Non stringete l'impugnatura con troppa forza, regolate la lunghezza dell'asta ed il supporto dell'avambraccio, siate sciolti nei movimenti. Braccio, spalla e schiena debbono contribuire al movimento.
Ora che state spazzando ilo terreno dinanzi a voi, l'apparecchio inizia ad emettere dei segnali. Non tutti i suoni indicano ritrovamenti degni di scavo, anche cose inutili lo fanno suonare.
Ignorate per ora ciò che appare su1lo schermo e concentratevi sui suoni. Quando la sonda passerà al di sopra di metalli privi d’interesse udirete un suono inconsistente. Lo coglierete come breve, crepitante e spesso diverso ad ogni passaggio. Fate estese prove con chiodi, graffette, spilli, aghi, tappi corona, lattine ferrose e di alluminio, linguette a strappo (ad una e due fori), punti metal1ici, po1vere dì ruggine, filo di ferro, rete metallica, stagnole spianate ed accartocciate ed altra ”robaccia” (il tutto naturalmente secondo diverse posizioni, ciò influenza moltissimo la risposta. Purtroppo ciò accade specie per 1e monete, tanto da tendere a falsare l’interpretazione. Indagate quindi un segnale dubbio secondo le quattro direzioni cardinali). Imparatevi e "fatevi l’orecchio” senza consultare lo schermo.
Non appena la sonda incontrerà un metallo migliore, il suono acquisirà in consistenza. Un buon bersaglio genererà un suono più solido e prolungato. Abituatevi ora ai suoni generati da metalli e leghe degli oggetti che varrebbe la pena scavare.
Acquisita questa prima capacità interpretativa potrete osservare lo schermo.

Esso fornisce diverse informazioni circa l’oggetto trovato:

 V.D.I. - Indicazione di Discriminazione Grafica, detto anche "Numero Indicativo del Bersaglio".
Nella metà superiore sinistra dello schermo compare un numero. E’ questo il numero di V.DI., cui fa riferimento la tabella presente sulla parte destra della scatola dell'elettronica. Esso corrisponde alla configurazione della Banca Dati sulla Discriminazione che vi guida nella determinazione degli oggetti da scavare. Vi sono numeri positivi per i bersagli non ferrosi e negativi per i ferrosi. I numeri di V.D.I. di oggetti discriminati possono non essere visibili se è inserita la VISUAL DISCRIMINATION (discriminazione visiva)(vedi anche figura a pagina 47).
 Probabile identificazione del Bersaglio, detto anche ”Ritrovamento Attendibile”. Alla destra del numero di V.D.I. saranno raffigurate le rappresentazioni attendibili del bersaglio (icone). L'apparire di un oggetto interessante sarà un invito allo scavarlo. Potranno essere raffigurate una o due icone. E' importante quale apparirà per prima, questa sarà la più attendibile, seguita dall’altra.

 Istogramma - L'istogramma nella parte inferiore dello schermo permette di farsi un'idea definitiva del ritrovamento:
Ripassate più volte sul bersaglio ed osservate come si dispongono i segmenti rettangolari neri costituenti l'istogramma. Questi saranno aggiornati ad ogni passaggio, per cui l'operatore deve prestarvi molta attenzione. Il tempo di rinnovo dell'immagine può essere modificato secondo il proprio volere. Le Alternative Avanzate permettono ciò, così come ottenere 1a Media e la Somma dei valori del grafico.
I bersagli interessanti compariranno sull’ascissa positiva del grafico.
Osservate bene quanti rettangoli appaiono. In condizioni ideali le monete generano solo uno o due segmenti. I rifiuti producono diversi segmenti, spesso su entrambe i lati dello zero.
Sotto condizioni meno favorevoli le monete possono produrre un andamento più esteso de1le sbarrette. Ad ogni modo la maggior parte de1la spazzatura genera disegni caratteristici diversi da quelli dei bersagli interessanti.
Uno dei pregi maggiori dell’istogramma è che traccia inconfondibilmente i ritrovamenti ferrosi, là dove altri sistemi di discriminazione sono messi in crisi, tanto che, non sarà infrequente veder apparire tutta l'estensione del grafico, i caratteristici segmentini neri. I ritrovamenti felici non saranno tanto ovvii da interpretare. Su terreni difficili un buon ritrovamento potrà generare alcuni piccoli segmenti sull’ascissa negativa, a causa dell’anomala mineralizzazione.
Osservate e leggete la didascalia dei successivi andamenti d’esempio. (La rappresentazione grafica delle diverse monete non deve essere presa alla lettera perché, ovviamente, l'apparecchio è stato tarato su dimensioni e leghe statunitensi. Si può ovviare creandosi una tabella numeri di V.D.I. - monete note N.d.T.)
(prima figura di pag. 17)

Una volta, che avrete deciso di scavare, spostate la sonda di lato, trattenete 1aevetta e disegnate una ”X”, lì dove pensate si trovi l’oggetto. (vedi prima figura di pagina 19). Prestate attenzione al fatto che la levetta dispone di una posizione avanzata di blocco automatico da utilizzare in quest'occasione.
Quando la levetta è trattenuta, la sonda non necessita più di essere mossa da un'estremità all'altra. Ora potrete passarla lentamente sul luogo del segnale. Lo schermo indicherà la profondità in Pollici (1 in = 2,54 cm N.d.T) ed emetterà un suono più forte quando passerà sopra il punto esatto. Avremo quindi la massima lettura in corrispondenza dell'emissione più notevole, insieme ai due segmenti orizzontali che raggiungeranno la medesima lunghezza (vedi seconda figura di pagina 19). Per, un buon non scordatevi di scandire il bersaglio da due direzioni fra loro perpendicolari. Determinata l’esatta posizione, rilasciate la levetta.
Eseguire bene un puntamento richiede pratica, esercitatevi. La sonda standard, fornita nella confezione, raggiunge la massima profondità ed ampiezza dell'area scandagliata. Nel caso in cui il puntamento fosse difficoltoso per i troppi rilevamenti affollati nella stessa area, si suggerisce l'acquisto della sonda più piccola, più adatta a separare segnali adiacenti, ma pure meno penetrante.

Ci sono quattro concetti da tenere a mente quando si opera un puntamento:

Gli oggetti prossimi alla superficie, in virtù del loro segnale molto forte ed ampio, sono più difficoltosi da centrare di quelli più profondi. Se la levetta è trattenuta e la sonda fatta incrociare sopra l’areola, potrete notare una modesta lettura di profondità.

Sollevate la sonda dal terreno e ripetete l'operazione. Il puntamento ne sarà facilitato. Nelle Regolazioni di Base la Sensibilità del Canale ”Discriminazione” (non motion) è direttamente correlata al puntamento. Una taratura più bassa favorisce il puntamento gli oggetti superficiali.

Nelle Alternative Avanzate, alla voce. AUDIO (sonoro), il V.C.O. (l’oscillatore di controllo di voltaggio) è di aiuto nel puntamento.

La lettura di profondità dispone di due indicatori orizzontali a barra, quello superiore misura il dato istantaneo, quello inferiore il valore massimo raggiunto. Questi due segmenti coincidono con la sonda quando è esattamente sopra al bersaglio.

REGOLAZIONI FONDAMENTALI
LISTA PRINCIPALE DELLE OPZIONI
Ora che avete fatto un poco d'esperienza sul campo, potete desiderare di variare i parametri fondamentali del vostro apparecchio.
Provenienti dal modo di ricerca, premete il tasto MAIN MENU. Contornato come nella figura di pagina 21, apparirà MAIN MENU, caratterizzato da una sola schermata con le seguenti scelte possibili:
PROGRAMMI PREIMPOSTATI, ovvero i cinque programmi inseriti dal fabbricante ed i quattro personalizzabili descritti in precedenza.
REGOLAZIONI FONDAMENTALI, utilizzate per apportare tutte quelle modifiche genera1mente possibili su tutti gli. apparecchi, come volume, soglia, tono, ecc.
ALTERNATIVE AVANZATE, utilizzate per modificare in maniera sofisticata i programmi e le caratteristiche dell'elettronica.
Utilizzare il comando a freccia per selezionare Basic Adjustments, indi premere ENTER
Ora potrete navigare nelle Regolazioni. Fondamentali grazie al comando «freccia giù».
COME EFFETTUARE LE REGOLAZIONI
Ciascuna regolazione mostra su quale valore è impostata attualmente. Quelle con la manopolina disegnata richiedono, per essere modificate, di premere prima ENTER, poi di usare le frecce per aumentare o diminuirne il valore. Vedrete che premendo ENTER, il bordo evidenziatore si sposterà dall’intestazione al suo valore numerico indicandovi che potete agire con le frecce (vedere le due figure di pagina 22).
 
REGOLAZIONI
Per raggiungere subito i valori estremi, pigiare la freccia del verso scelto mantenendo premuto ENTER.¬
SUCCESSIVAMENTE ALLA REGOLAZIONE
Premete MENU e poi fate uso delle frecce per valutare se apportare altre regolazioni.
REGOLAZIONI ACCESO / SPENTO
Richiedono solo di premere ENTER per variarle. Usare le frecce per cercare altre regolazioni da modificare, tirare la levetta per iniziare la ricerca.
ANDANDO OLTRE LE REGOLAZIONI DI BASE
Se continuate a premere «freccia giù», oltrepasserete l’ultima regolazione fondamentale (Bilanciamento dell'Escursione Termica) ed entrerete nelle PRO OPTIONS. Se viene premuta la «freccia su» dopo VOLUME, navigherete a ritroso fra le varie possibilità a partire dalla fine dei Programmi Preimpostati, poi entrerete nella Lista Principale Delle Regolazioni ed accederete alla parte finale delle Alternative Avanzate. Tutte le voci della lista sono collegate tra dì loro per favorire la ricerca.
FRECCIA Dl RITORNO
Un'ulteriore possibilità nell'uso delle frecce, se è stato effettuata una Regolazione di Base (per esempio riguardo al volume), e poi tirando la levetta si è tornati al modo di ricerca, consiste nel poter tornare alla regolazione del volume semplicemente premendo entrambe le frecce. Questa scorciatoia permette all’utilizzatore di saltare velocemente alle regolazioni abituali. Quest'opportunità è utile se si accede spesso a Regolazioni di Base od Alternative Avanzate, spesso sparse nelle liste e difficili da trovare.
RITORNO ALLA PERSONALIZZAZIONE
Se si fa attenzione di utilizzare la regolazione preferita per ultima, prima di passare alla ricerca, i Programmi Personalizzati possono usufruire dell'ARROW RETURN per accedere velocemente alla regolazione più frequente.
TASTI CALDI PER LE SCORCIATOIE
I "tasti caldi" o "tasti funzione" vi permetteranno di risparmiare tempo, concedendovi un facile accesso dal modo di ricerca alle più comuni regolazioni. Li trovate disegnati sulla scatola dell’elettronica, per averli sott'occhio.
PROGRAMMA MONETE
Tirate e rilasciate la levetta dopo la prova batterie.
OPPORTUN1TA’ DI NAVIGAZIONE
Dopo la prova batteria utilizzare le frecce per navigare fra le messe a punto abituali.
BILANCIAMENTO ARIA / SUOLO
Durante la ricerca premere ENTER per ribilanciare.
SOLO BILANCIAMENTO SUL TERRENO
Durante la ricerca, tirare la levetta e premere ENTER.
PROVA BATTERIE
Durante la ricerca, tirare la levetta e premere ”freccia giù”.
SCHERMO IN NEGATIVO
Durante la ricerca, tirare la levetta e premere "freccia giù". Premere le frecce per ottenere lo sfondo chiaro o scuro. La scelta non influenza il consumo: in certe condizioni d'illuminazione lo sfondo scuro permette una lettura più agevole. La regolazione della luminosità è sempre operante. Vi si accede solo attraverso i "tasti caldi" (vedere figura di pagina 23).
LUMINOSITA'
Durante la ricerca, tirare la levetta e premere MENU. Rilasciare la levetta ed utilizzare le frecce.
BILANCLIAMENTO DELL'ESCURSIONE TERMICA
Durante la ricerca, tirare la levetta e premere "freccia su". Rilasciare la levetta ed utilizzare le frecce.
SCORSA VELOCE ALLE AZIONI DI BASE
TARGET VOLUME (volume del segnale di ritrovamento)
Quanto forte si ode il suono dì individuazione del bersaglio.
AUDIO THRESHOLD (soglia audio)
Il suono che fa da sottofondo alla ricerca.
TONE (tonalità)
Seleziona le tonalità dei suoni emessi dall’apparecchio.
AUDIO DISCRIMINATOR (discriminazione audio)
La capacità di rifiutare la spazzatura con suoni differenti per i differenti ritrovamenti.
SILENT SEARCH (ricerca silenziosa)
La capacità di operare senza un suono di sottofondo.
MIXED MODE (modo combinato)
Modo di ricerca non discriminatorio DC, operante contemporaneamente col modo discriminatorio AC.
A.C. SENSITIVITY (sensibilità in flusso alternato)
Indica quanto lo strumento reagisca ai segnali nei modi discriminazione.
D.C. SENSITIVITY (sensibilità in flusso continuo)
Indica quanto lo strumento reagisca ai segnali nei modi non discriminazione.
BACKLIGHT (luminosità)
Usato quando vi è scarsa illuminazione per migliorare la visibilità dello schermo.
VIEW ANGLE (bilanciamento dell'escursione termica)
Regola i cristalli liquidi dello schermo a seconda della temperatura esterna.

REGOLAZIONI DI BASE NEL DETTAGLIO
TARGET VOLUME (volume del segnale di ritrovamento)
Quanto forte si ode il suono d'identificazione del bersaglio.
Consiglio. Selezionate il livello più alto fra quelli gradevoli, inferiore se usate la cuffia, maggiore senza.
Selezionate TARGET VOLUME con le frecce e premete ENTER.
Il livello sonoro attuale suonerà in continuazione ed il relativo valore numerico comparirà sulla destra, mentre la manopola mostrerà in che rapporto si trova con gli estremi. (vedi le due figure di pagina 25)
Usate i controlli a freccia per modificare il volume, che si riferirà al più forte dato da un oggetto posto a poca profondità. Volumi elevati incidono sul consumo delle batterie.
Premete MENU ed utilizzate le frecce per fare altre modifiche, oppure tirate e rilasciate la levetta per iniziare la ricerca.
AUDIO THRESHOLD (soglia audio)
Il suono che fa da sottofondo alla ricerca.
Consiglio. Selezionare il livello più basso fra quelli udibili in quel territorio.
Seleziona THRESHOLD con le frecce e premi ENTER. L’attuale soglia audio suonerà in continuazione ed il relativo valore numerico comparirà sulla destra, mentre la manopola mostrerà in che rapporto si trova con gli estremi. Notare che il massimo valore del suono di soglia (42) e ben minore del minimo livello del volume del segnale di ritrovamento. Così con quello di soglia al massimo e quello di ritrovamento al minimo, l'apparecchio sarà ancora utilizzabile. Usate le frecce per selezionare il livello desiderato. Valori elevati incidono sul consumo delle batterie.
Premere MENU ed utilizzare le frecce per fare altre modifiche, oppure tirate e rilasciate la levetta per iniziare la ricerca.
TONE (tonalità)
Seleziona la tonalità dei suoni emessi dall’apparecchio.
Consiglio. Se avete difficoltà con le alte frequenze, selezionate una tonalità bassa (valori bassi), se non udite bene le basse, sceglietene una alta (valori alti).
Selezionate TONE con i controlli a freccia e premete ENTER. L’attuale tonalità suonerà in continuazione ed il relativo valore comparirà sulla destra, mentre là manopola mostrerà in che rapporto si trova con gli estremi. Le frequenze basse à partire da 100 in giù, iniziano a pulsare. Regolate la frequenza che gradite dì più e che offre la migliore definizione del segnale.
AUDIO DISC (discriminazione audio)
La capacità di rifiutare la spazzatura con suoni differenti per i diversi ritrovamenti. Ciò avviene ignorandoli o generando suoni rotti e spezzati, di breve durata. I buoni ritrovamenti suoneranno più tondi e pieni.
Consiglio. Tenete inserito AUDIO DISC per discriminare, spegnetelo per rilevare tutti i metalli.
Selezionate AUDIO DISC con le frecce ed inseritelo o disinseritelo con ENTER (vedi la figura di pagina 26). Quando è acceso i bersagli verranno accettati o rifiutati a seconda del programma che si sta usando. Questo comando condiziona ogni aspetto della discriminazione. Quand'è spento, l’apparecchio suonerà su tutti i ritrovamenti. Si può modificare la risposta che un singolo oggetto fornisce sotto discriminazione (numeri di V.D.I.) variando i programmi o attingendo alle Alternative Avanzate.
SILENT SEARCH (ricerca silenziosa)
La capacità dell’apparecchio di operare senza emettere il suono di soglia che si ode normalmente durante la ricerca. Lo strumento tace sino a che non individua un oggetto metallico.
Consiglio. E’ raccomandabile mantenere un suono di soglia perché questo spesso diminuisce sopra agli oggetti da discriminare, fornendovi così ulteriori informazioni.
Se il suono continuo vi annoia o distrae, e ridurlo non basta, selezionate SILENT SEARCH. Potete farlo con le frecce ed inserirlo o meno con ENTER. Perché funzioni correttamente è necessario che AUDIO DISC sia inserito, mentre MIXED MODE sia spento. Nelle Alternative Avanzatesi può usare la configurazione Discriminazione per accettare tutti i metalli mentre si usa SILENT SEARCH. Non si può utilizzare un modo operativo ”non motion” quando SILENT SEARCH è inserito.
MIXED MODE (modo combinato).
Si tratta di un modo di ricerca "tutti metalli" (D.C. non motion, non discriminante) che coopera con un modo ”discriminazione” (A.C. motion e discriminante). Due filosofie di ricerca, una che segnala ogni cosa e l’altra che discrimina, che operano simultaneamente.
Consiglio. I ricercatori esperti, potranno così raggiungere profondità maggiori che se utilizzassero solo un programma con la discriminazione. Ulteriori informazioni circa l’oggetto potranno essere ottenute manipolando, come spiegato oltre nelle Alternative Avanzate, le funzioni TONE I.D. e V.C.O.
Selezionate il MIXED MODE con i controlli a freccia e premete ENTER per inserirlo o disinserirlo.
E’ necessario che AUDIO DISC sia inserito, mentre SILENT SEARCH deve essere inattiva, perché il Modo Combinato possa operare. Quando esso è attivo tutti i tipi di metalli emettono lo stesso suono. Nel modo d’uso ”discriminazione”, quando la sonda è in movimento, gli oggetti accettati generano un forte tono acuto, mentre quelli rifiutati si faranno sentire con un tono più basso. Queste risposte sonore sono funzione delle regolazioni della soglia di discriminazione. Il ricercatore può modificarle variando l’intero programma o intervenendo sui numeri di V.D.I., come vi sarà insegnato nelle Alternative Avanzate. Nel modo d’uso ”tutti metalli”, con la sonda ferma o quasi, tutti i ritrovamenti genereranno lo stesso segnale basso. In tale regolazione quest'apparecchio, come tutti, riuscirà a raggiungere profondità maggiori. Gli oggetti in quella posizione genereranno suoni più bassi quando la sonda sarà fatta muovere lentamente sopra di loro.
A.C. SENSITIVITY (sensibilità in flusso alternato)
Utilizzata per selezionare la sensibilità appropriata all’uso ”discriminazione” o comunque in quei modi per cui viene richiesto il movimento alternato della sonda.
Consiglio. Le regolazioni preimpostate sono quasi sempre sufficienti. Diminuendo la sensibilità si accresce la stabilità in condizioni critiche. Selezionate A.C. SENSITIVITY con le frecce e premete ENTER. Ora con le frecce scegliete il livello di sensibilità desiderato. Sulla destra dello schermo comparirà l'indicazione del valore corrente, mentre la manopola a sinistra mostrerà la disposizione rispetto agli estremi. Ricordate che una volta tirata la levetta per iniziare la ricerca, potrete ritorna re all’ultimo valore che avete modificato con l’aiuto delle frecce. I livelli di sensibilità influenzano la massima profondità di ricerca e la stabilità dell’apparecchio, per cui vanno modificati con cautela, e più a diminuire che ad aumentare.
D.C. SENSITIVITY (sensibilità in flusso continuo)
Utilizzata per selezionare la sensibilità appropriata all’uso ”tutti metalli”, per cui non necessita il pendolamento della sonda. Essa regola la stabilità del trasmettitore e del puntamento nel dato ambiente di ricerca.
Consiglio. Solitamente bassi valori di sensibilità in flusso continuo permettono di meglio puntare oggetti superficiali, mentre per oggetti profondi è consigliabile accrescerla. Parimenti al puntamento anche il MIXED MODE ed il V.C..O. AUDIO sono grandemente influenzati dalla regolazione D.C. SENSITIVITY.
Selezionatela con le frecce e premete ENTER. Utilizzate le frecce per determinare il livello desiderato. Sulla destra dello schermo comparirà il valore corrente, mentre la manopola di sinistra mostrerà il valore rispetto agli estremi. La dovrete regolare con attenzione per assicurarvi di procedere dolcemente, senza disturbi ma pur sempre con un buon puntamento.
Le due regolazioni di sensibilità tono quelle canoniche per accrescere la profondità, di ricerca, ma pure per degradare la stabilità dell’apparecchio Altre vie saranno mostrate nelle Alternative Avanzate, sotto SIGNAL [TRASMIT, RECEIVE] e PREAMP GAIN.
BACKLIGHT (illuminazione)
Usata quando vi è scarsa illuminazione per migliorare la visibilità dello schermo.
Consiglio. Utilizzatela solo in caso di necessità al minimo indispensabile. Il suo utilizzo incide pesantemente sulla durata delle batterie.
Selezionate BACKLIGHT con le frecce e premete ENTER. Utilizzate ancora le frecce per regolarne l’intensità. L’attuale livello compare sul lato destro dello schermo, mentre l’indicatore della manopola mostra come si pone rispetto ai valori estremi. Il minimo è allo zero senza illuminazione, il valore massimo raddoppia il consumo.
Quando l’apparecchio viene acceso, è normale che lo schermo s'illumini sino al completamento della prova batteria. All’apparire del MAIN MENU, se era regolato su OFF, si spegnerà, altrimenti rimarrà acceso sino a comando contrario. Il comando d'accensione può essere incorporato in un Programma Personalizzato, ad esempio ”Caccia Notturna”.
Quando il comando è acceso e la levetta viene tirata e rilasciata per iniziare la ricerca, la scritta ”BACKLIGHT ON” lampeggerà in continuazione per ricordarvi il forte consumo.
ILLUMINAZIONE D’EMERGENZA
Se siete al buio e non riuscite a leggere lo schermo, per illuminarlo, tenendo premuta la levetta e premendo su MENU, compariranno i comandi per regolare l’illuminazione. Rilasciate la levetta e premete le frecce per selezionare il livello desiderato. Tirate e rilasciate la levetta per continuare.
ATTENZIONE! - Se lo strumento è acceso e si sta facendo uso dell’illuminazione d’emergenza, questa rimarrà attiva sino a che non cambierete programma. Se passerete ad un altro programma che non ne preveda in memoria l’accensione, questa si spegnerà. Se vi fate sorprendere dal buio durante la ricerca, potete tirare e rilasciare la levetta ed utilizzare la sequenza d’emergenza. Potete ora cercare il programma che v'interessa, premere ENTER, premere ENTER per il Bilanciamento in Aria, premere ENTER per il Bilanciamento sul Terreno. Utilizzate ancora l’emergenza se nel frattempo si è spenta l’illuminazione. Al contrario del precedente Spectrum, le procedure per l’illuminazione dello schermo non differiscono dalle altre. Possono essere salvate nei Programmi Personalizzati o nella sola memoria volatile. Ad ogni modo la predisposizione della fabbrica è su OFF.

VIEWING ANGLE (bilanciamento dell’escursione termica)
Regola la risposta dei cristalli liquidi dello schermo a seconda della temperatura esterna.
Consiglio. Alle basse temperature, i cristalli liquidi tendono a rallentare la loro risposta, mentre al crescere del surriscaldamento estivo il display diventa difficoltoso da leggere. Regolate il Bilanciamento dell’escursione termica verso alti valori nel primo caso e verso bassi nel secondo. Se la ricerca avviene giorno e notte, con ampie escursioni termiche, sarà necessario apportare più di una modifica al VIEWING ANGLE.
Selezionate questa voce con le frecce e premete ENTER, usate quindi ancora le frecce per apportare le modifiche. L’attuale livello compare sul lato destro dello schermo, mentre l’indicatore della manopola indica come si pone rispetto agli estremi.
Il comando di bilanciamento non influisce sul consumo. Bilanciamento dell’Escursione Termica d’Emergenza.
Se il vostro apparecchio si è venuto a trovare in condizioni estreme dì temperatura, potrebbe non essere possibile, all’accensione, osservare il valore di VIEWING ANGLE per modificarlo. Premete allora ON/OFF, trattenete la levetta e pigiate ”freccia su”. Potete ora cercare, con l’aiuto delle frecce, un settaggio adatto per far apparire le scritte. Tirate e rilasciate la levetta per iniziare la ricerca. Come per la BACKLIGHT, cambiando programma perderete l’attuale regolazione del Bilanciamento. Allo stesso modo si può memorizzare il valore preferito nei programmi personalizzati.

RIEPILOGO

INTRODUZIONE
Con il trigger ( Grilletto situato nel retro del display ) nella posizione centrale, portati lontano da oggetti metallici e accendi il M-D.
Ti apparirà come prima cosa il tipo di software e successivamente lo stato di carica delle batterie.
Alla fine di queste presentazioni comparirà la finestra principale MAIN MENU'.
MAIN MENU' (menu principale)
Preset programs, Basic adjustments, Pro options.
Per entrare nel menù interessato usa le frecce disegnate nei tasti sotto al Display e premi Enter.

PRESET PROGRAMS (programmi di fabbrica)

Presenta i 5 programmi già impostati in fabbrica (programmi che se modificati si reimposteranno con i settaggi della fabbrica ogni volta che spegnerai il M-D, o passerai a un programma di ricerca nuovo) e
i 4 programmi personali da settare a proprio piacere per svariati tipi di ricerca. ( I programmi personali possono essere salvati con un proprio nome, essere modificati quando necessitano altre impostazioni, e se salvati rimangono memorizzati anche quando si passerà a un programma di ricerca nuovo o si spegnerà il MD).
COIN / COIN & JEWELRY
Sono programmi studiati per cercare monete americane, in Italia per adesso trovano bene le 200£
funzioneranno bene con L'EURO .
JEWELRY & BEACH (gioielli e spiaggia)
E' un programma per cercare sulla sabbia e sulla battigia.
Usando questo programma si perderanno però le 50£, le 100£, e alcune 500£.
RELIC
E' un programma con poca discriminazione e rileva tutti i tipi di metalli generando durante la ricerca un suono corto e basso per i metalli non nobili, mentre per i metalli più nobili emetterà un suono più alto e lungo.
Solo durante la fase di centramento (pintpoint) il suono sarà uguale per tutti i metalli.
Se durante la ricerca con questo programma il ferro diventasse un problema, bisogna disattivare MIXED MODE (ossia portarlo ad OFF).
PROSPECTING (prospezione)
E' un programma simile a Relic ma con una differenza, quando il M-D rileverà la presenza di oro, o metalli che si comporteranno dal punto di vista della conducibilità, appariranno sul display i numeri corrispondenti ad essi.
CUSTOM PROGRAMS (programmi personalizzabili)
Da 1 a 4 sono programmi che si possono impostare a piacere e modificare quando si vuole, una volta salvati (anche con un proprio nome) non scompariranno quando si cambia programma di ricerca o si spegne il M-D.

OGNI VOLTA CHE SI CAMBIA PROGRAMMA O SI MODIFICA UN PARAMETRO BISOGNA RIFARE SEMPRE IL BILANCIAMENTO DEL TERRENO

BASIC ADJUSTMENTS

TARGET VOLUME (volume del bersaglio)
Regola il volume dell'altoparlante interno del M-D
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU' per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un altro parametro).
AUDIO THRESHOLD (soglia audio)
Regola la soglia del suono di sottofondo generata dal M-D.
Usare una soglia appena udibile per riuscire a sentire anche le piccole variazioni di soglia che possono essere causate da piccoli oggetti sepolti nel terreno.
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU' per confermare la modifica, premi e lacia il TRIGGER per iniziare la ricerca o usa le frecce per andare su
un'altro parametro).

TONE (tono)
Regola il tipo di tono generato dal suono del M-D
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU' per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le fecce per andare su un'altro parametro).

AUDIO DISC (discriminazione audio)
Serve al M-D per generare un differente tipo di suono a secondo del tipo di metallo rilevato, per funzionare questo parametro deve essere su ON indipendentemente dal programma che usi.
Su OFF il parametro rileverà tutti i metalli indipendentemente dal programma che usi, bypassando quindi la discriminazione (se impostata).
I metalli rifiutati genereranno un suono spezzato o un falso suono quando vengono rilevati.
I metalli accettati genereranno un suono continuo e forte.
(Premendo ENTER stando già nel parametro, vedrai il cursore spostarsi da ON a OFF, scegliere l'impostazione, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un'altro parametro).

SILENT SEARCH (ricerca silenziosa)
Serve a eliminare la soglia di sottofondo generata dal M-D
Nel caso si voglia usare questo parametro AUDIO DISC deve essere su ON, mentre MIXED MODE deve essere su OFF.
(Premendo ENTER stando già nel parametro, vedrai il cursore spostarsi da ON a OFF, scegliere
l'impostazione, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un altro parametro).

MIXED MODE (modo misto)
Serve a fare lavorare il M-D contemporaneamente in due modi di ricerca DISCRIMINATA e TUTTI METALLI o PINTPOINT.
In questo modo è come se si ricercasse tenendo il TRIGGER sempre premuto, quindi si sentirà l'oggetto rilevato non solo quando questo è sotto alla piastra, ma bensì anche quando la piastra comincerà ad avvicinarsi all'oggetto durante la ricerca .
Il suono generato sarà differente in base al tipo di metallo rifiutato o accettato come per AUDIO DISC.
(Premendo ENTER Stando già nel parametro, vedrai il cursore spostarsi da ON a OFF, scegliere
l'impostazione, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un'altro parametro).

A.C SENSITIVITY
Si usa per avere una maggiore o minore sensibilità della piastra quando questa è in movimento in modo discriminato.
Selezionando numeri più bassi il M-D ha più stabilità durante la ricerca.
Se si selezionano numeri più alti aumenterà la profondità di ricerca, bisogna fermarsi o diminuire la selezione di numeri alti quando il M-D emetterà falsi segnali
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU' per
confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un'altro parametro).
D.C SENSITIVITY
Si usa per avere una maggiore o minore sensibilità della piastra nel momento della centratura degli oggetti rilevati.
Se si selizionano numeri bassi, si potranno centrare meglio gli oggetti meno profondi.
Se si selezionano numeri più alti si potranno centrare meglio gli oggetti più profondi.
SI CONSIGLIA DI MANTENERE LA NUMERAZIONE STANDARD.
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU' per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un'altro parametro).
BACKLIGHT (retroilluminazione)
Serve a rendere luminoso il retro del display.
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per aumentare o diminuire l'intensità della luce, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un'altro parametro).

VIEWING ANGLE (angolo di visione)
Serve a rendere i cristalli liquidi del display più chiari o più scuri
(Seguire la procedura di Backlight).

PRO OPTION
RATCHED PINTPOINTING
Serve nel momento in cui si fa la centratura dell'oggetto rilevato.
Se si mette su ON il M-D ridimensionerà l'oggetto.
Se si mette su OFF il M-D farà capire la forma approsimativa dell'oggetto.
(Premendo ENTER Stando già nel parametro, vedrai il cursore spostarsi da ON a OFF, scegliere l'impostazione, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un'altro parametro).
SAT SPEED (velocità della soglia autoregolante)
Serve a regolare la velocità del bilanciamento automatico effettuato dal M-D
Usare numeri bassi per un movimento lento della piastra.
Usare numeri un pò più alti per un movimento normale della piastra ( circa 60 cm al sec ).
Usare numeri più alti per un movimento veloce della piastra.
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU' per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un'altro parametro).

TONE I.D. (identificazione di toni)
Serve a fare emettere un diverso suono al M-D in base al numero appartenente all'oggetto rilevato.
Più il numero appartenente all'oggetto rilevato è alto, più il suono sarà di tonalità alta.
Si può usare sia con MIXED MODE, oppure con MIXED MODE e V.C.O.
(Premendo ENTER Stando già nel parametro, vedrai il cursore spostarsi da ON a OFF, scegliere l'impostazione, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un'altro parametro).

V.C.O. (controllo del voltaggio dell'oscillatore) consigliata
Serve a generare una tonalità di suono alta o bassa a secondo della profondità e dimensione dell'oggetto durante la fase di centramento o nella ricerca non discriminata.
E' molto utile in spiaggia perché più ci si avvicina all'oggetto, più il suono aumenta.
SI CONSIGLIA DI NON AVERE UN D.C SENSITIVITY SUPERIORE A 35.
(Premendo ENTER Stando già nel parametro, vedrai il cursore spostarsi da ON a OFF, scegliere l'impostazione, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un'altro parametro).

ABSOLUTE VALUE (valore assoluto)
( NON USARE CON LE PIASTRE TONDE )
MODULATION (modulazione)
Serve a produrre un suono differente in base alla profondità dell'oggetto.
Viene usato nella ricerca discriminata e quando è acceso genera un suono basso per gli oggetti più profondi, mentre quando è spento generà un suono uguale per tutti gli oggetti rilevati senza tenere conto della profondità.
(Premendo ENTER Stando già nel parametro, vedrai il cursore spostarsi da ON a OFF, scegliere l'impostazione , premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un'altro parametro).

V.D.I SENSIBILITY (sensibilità del VDI ossia dello strumento di identificazione visuale)
Serve a dare informazioni al display in base al tipo di segnale ricevuto dal M-D quando rileva un oggetto.
Una numerazione bassa darà meno indicazioni al display, ma queste saranno più precise.
Una numerazione alta darà più sensibilità al display anche per gli oggetti che sono piccoli e appena udibili durante la ricerca.
Valori al di sopra di 86 faranno comparire sul display il terzo numero decimale per una più precisa identificazione dell'oggetto.
NON USARE NUMERI TROPPO ALTI IN AREE TROPPO MINERALIZZATE O VICINO A TRALICCI DI ALTA TENSIONE.

IMPORTANTE: SE DURANTE LA RICERCA COMPARE IL NUMERO 95 CONTROLLARE QUANDO SI FA' LA CENTRATURA QUANTO E' PROFONDO, SE E' POCO PROFONDO NON SCAVARE ALTRIMENTI BISOGNA SCAVARE.

DA NOTARE CHE I NUMERI DA -30 A -40 SONO MOLTO IMPORTANTI PER DETERMINARE UNA BUONA PROFONDITA' DI RICERCA.
IL FERRO SI CONCENTRA PER LA MAGGIOR PARTE DA 01 A -29.
ACCETTANDO DA -30 A -40 SI AVRA' MOLTA SENSIBILITA' PER LA STAGNOLA, MA ANCHE PER L'ORO.
AUTOTRACK
Quando è acceso esegue il bilanciamento automatico del terreno.
(Stando già nel parametro premere ENTER per accendere o spegnere la funzione di AUTOTRACK, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un'altro parametro).
TRACK VIEW
Se acceso fa comparire sul display la scritta TRACK, questa scritta compare tutte le volte che il AUTOTRACK esegue il bilanciamento automatico del terreno.
(Stando già nel parametro premere ENTER per accendere ON o spegnere OFF la funzione di TRACK VIEW, premere e lasciare il TRIGGER par iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un'altro parametro).
TRACK SPEED
Serve a indicare ad AUTOTRACK tramite una numerazione quante volte AUTOTRACK deve fare il bilanciamento automatico del terreno durante la ricerca.
Usare numeri alti per un terreno molto mineralizzato
Usare numeri bassi per un terreno poco mineralizzato
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per scegliere la numerazione, poi premere MENU' per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un'altro parametro).
TRACK OFFSET
Serve tramite la numerazione ad eliminare i piccoli minerali disciolti nel vasellame o nei cocci.
E' consigliabile tenere una numerazione pari a +1 per ignorare i piccoli metalli disciolti nei vasellami
Questa funzione può essere usata con il programma RELIC o con altri programmi discriminati.
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU' per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un’altro parametro).

BILANCIAMENTO MANUALE DEL TERRENO

Spegnere AUTOTRACK ( OFF )
Andare su COARSE GEB
Premere ENTER
Tenere premuto il TRIGGER e contemporaneamente alzare e abbassare la piastra fino a quando non ci sarà variazione di suono abbassando la piastra al terreno. Per una taratura più fine usare le frecce per regolare la numerazione.
Premere MENU'
Andare su FINE GEB
Premere ENTER
Tenere premuto il TRIGGER e contemporaneamente alzare e abbassare la piastra fino a quando non ci sarà variazione di suono abbassando la piastra al terreno. Per una taratura più fine usare le frecce per regolare la numerazione .
Premere MENU'
Premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca.

IL NUMERO 0 ( ZERO ) DI COARSE O FINE GEB CORRISPONDE A - 95 DELLA SCALA V.D.I
IL NUMERO 255 DI COARSE O FINE GEB CORRISPONDE AL NUMERO - 10 DELLA SCALA V.D.I

UNA NUMERAZIONE TROPPO ALTA NEL BILANCIAMENTO FARA' PERDERE PROFONDITA' AL M-D DURANTE LA RICERCA.
RECOVERY SPEED (velocità di recupero)
Serve a distinguere più velocemente diversi tipi di oggetti vicini tra loro durante la ricerca.
Usare numeri alti in zone con molto ferro o con metalli non buoni, usando però una numerazione troppo alta si perderà profondità nella ricerca, è consigliabile tenerlo invece usare più numeri alti nella sabbia quando si cerca vicino al bagnoasciuga.
Usare numeri bassi in zone più pulite, è molto utile per la ricerca discriminata.
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU’ per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un altro parametro).

BOTTLECAP REJECT ( RIFIUTO TAPPI DI BOTTOGLIA )
Serve a riconoscere meglio il ferro durante la ricerca generando un suono corto e spezzato più deciso.
Usare una numerazione alta per eliminare il ferro in modo decisivo cercando di non eliminare anche i metalli un po’ più buoni.
(Premere ENTER per entrare nel parametro e usare le frecce per modificarlo, poi premere MENU’ per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un altro parametro).
VISUAL DISC
Serve a non fare apparire sul Display il numero dell’oggetto rifiutato.
Acceso ON per far si che i numeri discriminati non vengano visualizzati.
Spento OFF per vedere anche il numero dell’oggetto discriminato.
(Stando già nel Parametro premere ENTER per accendere o spegnere la funzione di VISUAL DISC, quindi premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un altro Parametro).
ICONS
Quando è acceso fa apparire la possibile icona relativa all’oggetto rilevato.
Quando è spento velocizza tutte le informazioni del Display.
(Stando già nel Parametro premere ENTER per accendere la funzione o spegnerla, quindi premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un altro Parametro.
AVERAGE
Serve a mettere in evidenza le indicazioni del SIGNAGRAPH (il circuito grafico dell'Xlt) e a mettere in evidenza (facendo la media dei segnali ricevuti) eventuali e deboli informazioni ricevute dal Display a causa della posizione non corretta della piastra durante la ricerca.
Se si usa con ACCUMULATE ON si avranno più informazioni durante il passaggio della piastra sopra all’oggetto.
(Stando già nel parametro premere ENTER per accendere ON spegnere OFF la funzione di AVERAGE, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un altro parametro).

SINGLE SWEEP
Serve a fare vedere sul Display le informazioni del SIGNAGRAPH in una sola passata della piastra sopra all’oggetto rilevato.
Si usa per testare in modo veloce alcuni tipi di oggetti
Quando è acceso ON, AVERAGE e ACCUMULATE devono essere spenti OFF.
(Stando già nel parametro premere ENTER per accendere ON la funzione o spegnere OFF la funzione di SINGLE SWEEP, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca u usare le frecce per andare su un altro Parametro).

FADE
Serve a cancellare dal Display le informazioni deboli e non più aggiornate.
NON SI PUO’ USARE CON SINGLE SWEEP
Usare una numerazione bassa per mantenere più a lungo le informazioni sul Display
Usare una numerazione alta per fare sparire velocemente le informazioni dal Display.
E’ consigliabile di non tenerlo troppo basso.
(Premere ENTER per entrare nel Parametro e usare le frecce per modificarlo, premere MENU’ per confermare la modifica, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca o usare le frecce per andare su un altro Parametro).

D.C. PHASE
Serve a misurare la mineralizzazione durante il puntamento dell’oggetto, facendo apparire a destra in alto del DISPLAY un numero che corrisponde alla numerazione del tipo di terreno.
E’ UN PARAMETRO MOLTO UTILE ma all'inizio è meglio tenerlo spento per non confondersi con troppe informazioni sul display.
(Stando già nel parametro premere ENTER per accendere ON o spegnere OFF la funzione, premere e lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca, o usare le frecce per andare su un altro Parametro).
ACCUMULATE
Serve a raccogliere informazioni di passaggi multipli della piastra quando viene rilevato l’oggetto.
Quando è spento raccoglie informazioni di una sola passata della piastra sopra all’oggetto.
Usato con FADE elimina le vecchie informazioni del Display.
(Stando già nel Parametro premere MENU’ per accendere ON o spegnere OFF la funzione, premere lasciare il TRIGGER per iniziare la ricerca , o usare le frecce per andare su un altro Parametro)
In questa sezione riassumerò i termini usati nel manuale in inglese con la relativa spiegazione

Basic adjustments

Target Volume: Aggiusta il volume quando un bersaglio viene localizzato.
Audio Threshold: Aggiusta il livello soglia udibile in cuffia durante la ricerca.
Tone (Audio Freq): Regola il tono del livello soglia.
Audio Disc.: Seleziona la ricerca tutti i metalli o la ricerca discriminata.
Silent Search: Seleziona la possibilità di avere o non avere il livello soglia.
Mixed Mode: Modalità simultanea di monitorare il canale della discriminazione (A.C. channel) assieme a quello di tutti i metalli (D.C. channel).
A.C. Sensitivity: Sensibilità in discriminazione.
D.C. Sensitivity: Sensibilità in modalità tutti metalli e pintpoint.
Backlight: 0 è spento, 1-6 si attesta su differenti livelli di retroilluminazione.
Viewing Angle: Regola la visibilità dei cristalli liquidi adattando il visore alle differenti temperature ambientali.
Pro Options

Audio
Ratchet Pinpointing: Ridimensiona il bersaglio al momento della centratura.
S.A.T. Speed: Regola la velocità della soglia autoregolante solamente in modalità tutti metalli o mixed mode. Non ha effetto in modalità discriminazione.
Tone I.D.: Identifica il bersaglio assegnando ad ogni suono un ben preciso numero della scala VDI.
V.C.O.: In modalità tutti metalli o pintpoint, il bersaglio risponderà con un incremento del suono sia in volume che in frequenza all'avvicinarsi della piastra ad esso.
Absolute Value: Utilizzato per le piastre BIGFOOT.
Modulation: Genera la stessa qtà di volume per tutti i metalli. Bersagli in superficie potrebbero generare un suono spezzato. Quando Silent search viene selezionato, automaticamente modulation va ad ON.
G.E.B. / TRAC
Autotrac: Accende e spegne la funzione di autobilanciamento. Se si vuole fissare il punto di bilanciamento bisognerà portarlo ad OFF.
Trac View: Fa vedere all'utente quando il detector si autobilancierà per riadattarsi alle condizioni mutate del terreno.
Autotrac Speed: Determina la velocità alla quale il detector si aggiusterà per neutralizzare la mineralizzazione del terreno.
Autotrac Offset: Da la possibilità di bilanciare il terreno poco sopra (numeri positivi) o poco sotto (numeri negativi). Utile in presenza di cocci (+1 o valori maggiori).
Trac Inhibit: Attiva l'eliminazione del terreno sopra il bersaglio, utile se si va alla ricerca di pepite d'oro
Coarse G.E.B.: Serve a regolare manualmente il G.E.B. (AUTOTRAC deve essere spento)
Fine G.E.B.: Regola il G.E.B. (AUTOTRAC deve essere spento). Coarse e Fine G.E.B. sono usati per bilanciare il detector manualmente. Prima di usare queste regolazioni, autotrac deve essere ad OFF. Dopodichè aggiusterete COARSE e FINE sino a che non ci saranno più variazioni in suono tra la terra e l'aria, ossia quando il loop viene sollevato da terra e poggiato di nuovo a terra.
Discrimination
Disc. Edit Accept & Reject: Seleziona i numeri VDI che saranno accettati o rifiutati.
Block Edit: Come sopra ma questa volta si potrà operare su gruppi di numeri, velocizzando le cose.
Learn Accept: Serve a far riconoscere e accettare un certo tipo di oggetto in base al suo numero VDI.
Learn Reject: Come sopra, ma per rifiutare l'oggetto.
Recovery Speed: Determina la velocità con la quale il detector può sentire un nuovo bersaglio dopo averne precedentemente individuato un altro.Numeri troppo alti fanno si che viene persa profondità, viceversa e si perderà sensibilità nell'individuare oggetti che sono vicini.
Bottlecap Reject: Determina la qtà. di ferro necessaria a rifiutare un bersaglio. (tenere al minimo per roba antica)
Display
Visual Disc.: Serve a far si che i numeri dei bersagli accettati/rifiutati in base alla selezione del VDI vengano/non vengano mostrati sul visore.
Icons: Spegne la visualizzazione delle icone in base ad un prefissato numero VDI. Non serve in Italia.
V.D.I. Sensitivity: Determina la sensibilità del VDI di generare il numero al passaggio sopra il bersaglio.
Graph Averaging: Restituisce la media dei segnali delle barre corrispondenti ai valori VDI visualizzati.
Graph Accumulating: Accumula le informazioni ricevute dal VDI mediante le barre invece di cancellarle per liberare lo schermo.
Fade Rate: Indica quanto veloci saranno le barre visualizzate sul display a scomparire. 0 indica la massima velocità, ossia ad ogni passata le barre scompariranno e si riaggiorneranno.
Signal
Transmit Boost: Di solito ad ON, potrebbe essere necessario posizionarlo ad OFF cercando sulla battigia dove la sabbia è bagnata.
Transmit Frequency: Serve ad eliminare interference dovute ad altri detector, semplicemento spostando la frequenza operativa, risulta utile anche in presenza di interferenze di altra natura.
Preamp Gain: Regola la sensibilità sel detector, valori alti influenzato sia il canale D.C. che quello A.C..

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetterai il loro uso.Accept Read More
Privacy & Cookies Policy

 

In collaborazione con MEDIAELETTRA .
mediaelettra@mediaelettra.com
Electronics Company Italy 
Via Pediano 3A 40026 Imola Italy
Tel / fax 0542 600108 P.iva 02689511208
 www.metaldetectorpro.it

mediaelettra