meteo

google

mail w

facebook

new02

Novità venite a trovarci anche su “Elettronica PRO”

assieme ai manuali più aggiornati troverete anche le schede dei cercametalli utili per un rapido confronto

new02

normativa cookies

BingSiteAuth

L'ABC del V3i

BACKLIGHT

Si tratta della retroilluminazione dello schermo .In luce normale è praticamente inutile e favorisce un rapido decadimento delle batterie , in piena luce diretta permette di visualizzare correttamente lo schermo a dispetto di tanti altri display, con scarsa luminosità lo si può bilanciare in modo graduale. Molto utile per zone ombreggiate o uscite notturne. Impostabile in 20 differenti step di luminosità. Se in piena notte lo schermo vi apparirà troppo luminoso anche a livello 1 si consiglia di modificare il tema adottandone uno a prevalenza di colori scuri. Per attivare rapidamente la retroilluminazione da spenta a livello massimo senza passare da nessun menu : premere e tenere premuto il pulsante di accensione per alcuni secondi e la retroilluminazione viene portata istantaneamente al livello di luminosità max.
Non vi sono sostanziali differenze in termini di consumi di batterie tra i differenti temi, ciò che incide è il livello di luminosità utilizzato.
TIPS :
- Per garantire miglore qualità al display il consiglio è di applicare una pellicola trasparente antigraffio come quelle per cellulari o palmari . Prima dell' applicazione è necessario detergere il display con uno straccetto inumidito (anche e soprattutto nei bordi) , asciugarlo completamente , quindi applicare la pellicola ritagliata su misura (anzi leggermente più piccola) avendo cura di non lasciare bolle d'aria sullo schermo .... per evitare che granelli di polvere possano rovinare il nostro lavoro un altro consiglio è fare l'operazione in bagno, stanza che solitamente è la più pulita della casa e per il livello di umidità superiore non favorisce il sollevarsi della polvere.


BATTERIE

Lo spectra v3i ha nel menu expert l'apposita voce batterie .Per una corretta gestione del livello di carica al fine di ottimizzare la rilevazione dei consumi e lo stato delle batterie stesse è bene se cambiamo tipologia perdere 5 secondi e selezionare modificando la tipologia di batterie utilizzate .
o NiMH - la ricaricabile standard fornita con il v3i ,riconoscibile per l'etichetta arancione.
o Nicd fornite in passato con i modelli di fascia alta e utilizzabili senza problemi per il v3i , riconoscibile per l'etichetta verde.
o Alkaline - le normali batterie AA da inserire nell' astuccio apposito con l'etichetta di colore blu.
Le cuffie utilizzano 2 batterie AA da 1.5 volt, la durata è di circa 6 ore per le alcaline e dalle 3 alle 4 per le ricaricabili(ma dipende dagli ampere e dalla tipologia
TIPS :
- le batterie ricaricabili tendono a perdere la carica se non utilizzate ,perciò se si ha intenzione di uscire in ricerca meglio fare la ricarica la notte prima . Itempi di ricarica delle NiMH è inferiore alle 2 ore , delle NiCd è inferiore alle 4 , le alkaline non devono MAI essere ricaricate (si rischia che esplodano) , i tempi per le stilo AA ricaricabili variano dal modello e dal caricabatterie che utilizzate.
- Se non utilizzate il metal meglio togliere i pacchi batterie .
- Il cambio batterie si attua aprendo il box dell' elettronioca perciò meglio eseguirlo in un luogo pulito e asciutto.
- Alcuni utenti si sono autocostruiti dei set di batterie ai polimeri di litio dal peso inferiore e dalla durata maggiore, ma non approfondiamo l'argomento almeno finchè non sarà la white's stessa a inserire in commercio questa tipologia di pacchetti coperti quindi da garanzia ! Il rischio di danni al cercametalli se rispettate i voltaggi e gli amperaggi sono remoti , più rischiosa è invece la fase di ricarica del set autocostruito .


BATTERIE - CONSUMI

I seguenti dati privi di valore assoluto sono da considerarsi di semplice consultazione e utili per un rapido raffronto dei consumi tra le varie frequenze
3Frequenze = 150 mA +boost =230 mA
2,5Khz =200mA +boost =285 mA
7,5Khz = 130 mA +boost =185 mA
22,5 Khz =120 mA +boost =130 mA
TIPS :
- L'utilizzo delle cuffie riduce i consumi.
- La frequenza più bassa è più esigente in termini di consumi batterie.
- Il boost determina un aumento del consumo


BATTERIA STATO DEL VOLTAGGIO

Se si desidera controllare rapidamente il voltaggio della batteria è sufficiente dalla schermata di ricerca premere MENU + INVIO. Questo vi porterà alla schermata di avvio dove è visibile la tensione della batteria.
TIPS :
- Se si desidera vedere che la tensione della batteria sulla schermata di ricerca, operarate come segue: Configurazione> Live Search Screen-> Stato-Line> Visualizza e selezionare "batteria".


Best Data - 3frequenze

Selezionando la ricerca in 3 frequenze in contemporanea e spuntando la voce BEST DATA si attua un' impostazione dove il V3i confronta le risposte di tutte e tre le frequenze e si appoggia di volta in volta sul VDI di quella più affidabile. Come modalità multifrequenza è quella più performante , ma è meno potente di una ricerca su frequenza singola

Bilanciamento manuale

Il bilanciamento è un'operazione fondamentale
- da operare all' inizio di ogni ricerca
- dopo lo scavo di un oggetto che ci ha costretto a ripetuti pinpoint
- qualora si noti instabilità del V3i durante la ricerca
- se si modificano uno o più parametri di ricerca
- se il terreno di ricerca modifica visivamente le sue caratteristiche
- di tanto in tanto . non guasta mai!
la procedura da seguire è la seguente:
" Cercare attraverso il pinpoint un terreno libero da segnali di obbiettivi
" Tirare / tenere premuto il grilletto, quindi premere / premuto enter
" Alzare e abbassare la piastra da 5 a 30 cm da terra senza mai appoggiarla
" Ripetere il ciclo 4-5 volte finchè la soglia del suono risulta costante
" rilasciare enter, quindi rilasciare il grilletto


BILANCIAMENTO AUTOMATICO

Entro 20 secondi dall'accensione il bilanciamento automatico ottimizza la configurazione ottimale in funzione del terreno dove cerchiamo , ma se nei 20 secondi sucessivi all' accensione non si comincia una ricerca ottimale o si cerca su un terreno molto disturbato il bilanciamento non potrà che essere di pessima qualità!. Ecco perché si consiglia sempre di accendere in metal un po' prima per farlo "scaldare" e sucessivamente operare il famoso BILANCIAMENTO manuale a terra che ripetiamo visto l' importanza:
o Premere / tenere premuto il grilletto, quindi premere / e tenere premuto ENTER.
o Pompare la bobina di ricerca sul terreno (da 5 a 30 cm) fino a quando il rumore di fondo diventa costante (in genere 4-6 volte). Assicurarsi di eseguire questa operazione su un'area libera di obiettivi.
o Rilasciare ENTER, quindi rilasciare il grilletto
Prima enter poi il grilletto diversamente bisogna ripetere il bilanciamento. A questo punto il bilanciamento automatico prosegue il lavoro … salvo modifiche del terreno o delle impostazioni di ricerca
In zone fortemente mineralizzate il bilanciamento automatico desensibilizza inevitabilmente il V3i. questo prechè si azzera su di un terreno che già di suo emana un forte segnale. Utilizzando in questi casi frequenze basse si riduce considerevolmente questo fenomeno

BOTTLE CAP

Parametro impostabile da -20 (spento) a + 20 (massimo) .Consente di regolare "l'aggressività" della discriminazione consentendo di respingere tappi di bottiglia e altri oggetti in lega di ferro come per esempio vecchi chiodi. Maggiore è il parametro impostato ,maggiore è la funzione di esclusione , bisogna impostare questa taratura con parsimonia e utilizzarla solo dopo ripetuti falsi segnali provenienti da oggetti-spazzatura di questo tipo.
Questo parametro tende a smorzare il cosiddetto effetto SPREAD (Spargimento) dei VDI tipici di oggetti circolari e di lega in gran parte ferrosa che consiste nella rilevazione di una moltitudine casuale di VDI che vanno dall'estremo negativo -95 all'estremo positivo +95
Il Bottlecap Rejection rileva e sopprime queste "pseudocasualità" con l'efficacia che noi possiamo impostare con questo parametro.
Il contro è che bersagli buoni ad elevata profondità tendono anch'essi a dare un range più ampio di VDI rispetto a target superficiali perché mineralizzando il terreno circostante e spalmando il segnale attorno all' oggetto ingannano il bottle cap . Un eccesso di Bottlecap potrebbe sopprimere questi VDI "ballerini".
In terreni sporchi con detriti ferrosi la modalità correlate può essere sostituita da questa funzione, la differenza sta nella maggiore reattività del bottle cap che richiede meno analisi dei segnali, ma che può essere ingannato più facilmente, mentre la modalità correlate riconosce direttamente l'oggetto escludendo la zona circostante.
Il bottle cap può tornare utile a sopprimere in casi estremi qualche interferenza EMI non eliminata con l'OFF-SET delle frequenze, ma questa maggiore stabilità costerà in termini di profondità.
Bottle cap è facilmente impostabile nei programmi di fabbrica ,ma se portiamo al limite questi programmi con impostazioni più severe di gain ,e sensibilità il dosaggio del bottle cap può essere difficoltoso e il suo utilizzo può pesantemente compromettere le nostre ricerche.

Correlate- 3frequenze

- Confronta tutte e tre le frequenze e analizza la diversità delle risposte in ogni frequenza ed elimina quelle troppo incongruenti in base alle vostre impostazioni dei parametri seguenti . in seguito all' analisi approfondita del segnale è la modalità che perde maggiormente in profondità , risente della mineralizzazione salina ,ma è quella più adatta in zone con mineralizzazione ferrosa
I parametri impostabili sono SPAN LIMIT e WRAP LIMIT
"SPAN LIMIT" indica la differenza massima di VDI non normalizzato che intercorre tra i risultati delle frequenze oltrepassato il quale il metal rifiuta e discrimina il segnale. Di conseguenza ne deriva che un intervallo piccolo richiede maggior purezza dell' oggetto in termini di materiale e in termini di struttura un intervallo grande permette più elasticità nel parametro.
Il "WRAP LIMIT" è il valore Vdi fino al quale concediamo alla frequenza che risponde meglio alla natura dell' oggetto di saltare la scala dei vdi (+95) e ricadere nei primi vdi negativi (-95, -94, -93). Un' impostazione che se ampliata garantisce profondità ma anche molti disturbi .
Il correlate per sua natura applica una ricerca molto selettiva accettando oggetti di cui il metaldetector ha un' identificazione netta e sicura , è perciò più facile che oggetti incoerenti come stagnole e tubetti accartocciati vengano discriminati . Di contro un'analisi tanto approfondita causa un' evitabile perdita in termini di profondità.

Comment

si trova nel percorso EXPERT - PROGRAMMI - SETUP e serve a lasciare una descrizione personale al programma
es : Comment MENU / TAB commentare questo video, premere INVIO, tasti freccia uso e INVIO per precisare il commento.
Come, Uscita MENU / TAB per uscire, premere INVIO per uscire.

Consistency (vedi anche fade rate)

E' la velocità graduale con la quale scompare la barra. Più è alto il numero , più la barra o le barre si abbassano fino a scomparire. I due comandi sono in relazione fra loro.

Dc fase

Il DC PHASE ci indica se in una zona c'è predominanza di mineralizzazione ferrosa o salina.
La presenza maggioritaria di mineralizzazione ferrosa produce valori di DC PHASE più vicini al valore -95 mentre quella salina avrebbe fatto virare verso il valore 0. La contemporanea presenza di entrambi i tipi di mineralizzazione (è il caso della battigia con sabbie nere) produce un valore intermedio tra i due.
E' un errore pensare che un valore DC PHASE di -94 significhi che la mineralizzazione è più intensa di quella letta in un terreno con DC PHASE pari, ad esempio, a -90. Questo minor valore potrebbe infatti essere influenzato dalla contemporanea presenza di mineralizzazione salina legata spesso ad alcuni fertilizzanti ad uso agricolo. L'utilità del DC PHASE risulta utile per farsi un'idea della situazione della mineralizzazione e quindi ci permette di bilanciare lo strumento in modo migliore

EMI E FEREQUENZE

In generale si ha una maggiore instabilità sulla frequenza bassa rispetto a quella alta. In numerosi articoli ho avuto modo di indicare questo comportamento.
Quando sei in multi-frequenza, dato che il principio di funzionamento del V3 è quello di operare le analisi di identificazione e discriminazione sul "Segnale Composito", ovvero su un segnale che è la risultante della sommatoria delle tre frequenze in base ad un semplice algoritmo se ci sono frequenze destabilizzate dall'EMI, tutto il segnale risultante sarà instabile. Almeno in modalità BEST DATA. In CORRELATE dipende dal tipo di disturbi , .
La scelta di passare al 22.5KHz in caso di disturbi elettromagnetici è valida. dato che le alte frequenze sono relativamente meno disturbate dalle EMI. Come contropartita avrai una minore "profondità di penetrazione" ma che potrai compensare grazie appunto al minore impatto delle EMI.
Ulteriore dote delle alte frequenze è, grazie alla Legge di Lenz, una maggiore sensibilità agli oggetti piccoli e sottili. Inoltre le alte frequenze sono svantaggiate ad operare in condizioni di alta mineralizzazione, NON PER VIA DI UNA LORO INTRINSECA INEFFICIENZA, ma per un effetto collaterale del sistema di bilanciamento del terreno

EMI interferenze .

Come trovare la frequenza di offset più silenziosa.
Premere il tasto ZOOM-UP per vedere / espandere il Live Barra di controllo.
Scorrere la barra di live menu fino alla voce Frequenz e posizionarsi sull' Offset . Premere il grilletto attivando così la modalità .modificare l'off set finchè non trovate l'impostazione che dà il minimo rumore .poi uscire .
SE NON SI RISOLVE il problema allora è necessario diminuire il RXgain
Ricordarsi che i disturbi èmi non influenzano il tx bost che invece è fortemente disturbato dalla mineralizzazione del terreno . Inoltre è bene tenere presente che le alte frequenze sono meno influenzate dai disturbi emi ma più disturbate dall mineralizzazione del terreno.

Excludes

Excludes si trova nel percorso EXPERT - PROGRAMMI - SETUP e serve a caricare su un programma esistente i settaggi presenti sul programma Commons, per esempio, sul prg Commons abbiamo su Sensitivity il Discrimination a 100, se andiamo su Excludes e nel programma C&J flagghiamo ( mettiamo la X) su Sensitivity, automaticamente C&J prenderà il valore di 100 in Discrimination.

FADE RATE(vedi anche Consistency)

E' il comando che stabilisce la durata in secondi della visualizzazione delle barre dello Spectragraf, dopo che la piastra ha rilevato il target. E' un comando soggettivo, che va regolato secondo la vostra preferenza visiva
E' una opzione di settaggio che regola il tempo e la dissolvenza del segnale SPECTRAGRAPH. Quando agganciate un target, rilevate l'intensità del segnale delle rispettive frequenze attraverso la barra o le barre verticali. Queste barre si visualizzano sul display per tot tempo e in dissolvenza o meno. Se avete esigenze di vedere le barre per più tempo prima che il processore aggiorni, allora modificate la impostazione del FADE RATE incrementandone il valore.
Si accede da : menu esperto / configure / schermo Live Search / Ricerca / spectragraph /
Per togliere l'effetto dissolvenza, marcare la casella directory superiore al Fade
Osserviamo che tirando il trigger la barra si azzera questo accade in quanto operiamo il "RESET DEL PROCESSORE" e quindi di conseguenza anche il reset delle barra, ma non è la funzione specifica per la barra.
Osserviamo che : -a 1 la barra scompare dopo 4 secondi, -a 7, che è il valore di default, scende dopo 6 secondi,
NOTE il settaggio fade rate forse è leggermente sbilanciato, anche con il valore al minimo la barra tende a cadere dopo quattro secondi . Prima del fade rate c'è il Consistency che di default è 10, portandolo a valori minori la barra cade più velocemente, per un buon effetto il compromesso potrebbe essere Fade Rate a 2 e Consistency a 5

FILTRI : nozione per corretta identificazione

Aumentando il filtraggio sul V3 e parimenti aumentando la velocità di spazzolata (o, in modo equivalente, diminuendo le dimensioni della piastra impiegata) si otterrà una più efficiente identificazione dei target in condizioni di mineralizzazione progressivamente crescente.

FILTRI :Ground Filter

- filtro elettronico ottimizza la profondità di rilevazione . I filtri vanno impostati in modo coerente con il terreno …. L'aumento dei filtri aiuta in terreni con veri disturbi e la diminuzione di questa impostazione deve corrispondere a terreni con la reale assenza di disturbi , diversamente si avranno reali cali di prestazioni in quanto impostiamo i parametri in modo da far credere al metal situazioni inesistenti !. V3 Spectra offre otto combinazioni di filtri digitali e quattro frequenze di filtri diversi ciascuno con una diversa Band e un filtro High Pass..
Filter speed HZ - definisce la velocità del processo del filtro. Numeri più bassi - 5 Hz e 7.5 Hz consentono al filtro di elaborare più segnali utilizzando una velocità di passata più lenta. Numeri più alti - 10,0 Hz e 12,5 Hz, consentono di analizzare i segnali ad un ritmo più veloce ma necessita di una velocità di passata più alta

FILTRI : Tipi di filtri,

Pass-Band generalmente migliore per terreni a bassa mineralizzazione e quando si desidera eliminare disturbi o interferenze di tipo elettrico . Utilizza una gamma ristretta di filtri.
High Pass - un filtro più veloce con una gamma più ampia di utilizzo ma disturbato a parità di frequenza da disturbi elettrici.

Filtri a Bassa frequenza (5,0 Hz Band) funzionano meglio con una maggior lentezza della bobina e terreni poco mineralizzati
Frequenze superiori (12,5 Hz High) tendono a favorire la velocità più veloce della bobina e si adattano meglio a terreni ricchi di cocciame o/e mineralizzati.
RIASSUMENDO
o 5,0 Hz Band Pass - movimento di ricerca molto lento e terreno poco mineralizzato. Migliore rumore rifiuto
o 5,0 Hz High Pass - adatto mineralizzazione terreno leggermente superiore e un po 'più sensibile nelle aree esenti da disturbi elettrici esterni
o 7,5 Hz Band Pass - passata della piastra a velocità media e di ricerca su terreni a bassa-media mineralizzazione
o 7,5 Hz High Pass - Media velocità e mineralizzazione del terreno elevata. Passata di media velocità . Un po 'più sensibile nelle aree esenti da disturbi elettrici esterni rispetto al band pass
o 10,0 Hz Band Pass - Normale a velocità e medio alta mineralizzazione. (pre-impostato)
o 10,0 Hz High Pass - mineralizzazione terreno ancora più alta. Con assenza di disturbi elettrici.
o 12,5 Hz Band - mineralizzazione terreno Extrema con spazzolata relativamente veloce.
o 12.5 Hz High Pass - mineralizzazione terreno ancora più estrema diciamo su di un campo cosparso di vecchi mattoni per esempio. La spazzolata deve essere veloce ed è consigliabile l'assenza di interferenze elettromagnetiche.
Una velocità normale si quantifica in 4 secondi scarsi per spostare la piastra da destra a sinistra e ritorno ,ideale diciamo per i 10 Hz.
La maggior parte utilizza i programmi utilizza un filtro a "10 Band Pass" permettendo rifiuto normale terreno a velocità normale
sweep..

filtri

Lo schema va analizzato :
- a ogni filtro corrisponde una differente velocità ottimale di attivazione
- ogni filtro è adatto ad una determinata mineralizzazione
- ogni EMI permette un utilizzo ottimale di un determinato filtro
- i filtri high non sono compatibili con EMI alte!

Gain e Discrimination Sensitivity

La differenza tra Gain e Discrimination Sensitivity sta nel fatto che la prima è una PRE-AMPLIFICAZIONE, ovvero viene innalzato il livello del segnale che arriva direttamente dalla piastra, mentre la seconda è una amplificazione effettuata DOPO LA DEMODULAZIONE e prima dell'analisi dei dati.

Hard reset SOLO PER V3I … SU V3 AGGIORNATO A v3i si può fare

Se fatto su v3 sprogramma il chip con danno irrimediabile!
questa opzione cancellerà tutti i programmi personalizzati che sono stati creati così come cancellano ogni e ogni impostazione che hai cambiato o modificati nella vostra unità .... quindi pensaci bene ... Questa procedura si chiama Reset totale ... questo ripristinerà l'intero V3i alle impostazioni di fabbrica .............
è un'operazione delicata , non mi sento di suggerirvela in alcun modo , sappiate solo che si può fare e se siete curiosi in alcuni forum è descritta , ma si assumono loro tutte le responsabilità del caso :)

Hot Rock

- Consente di regolare il livello di accettazione di un segnale che sembra essere un'anomalia minerale detta Hot Rock alla quale il metal associa 95 VDI)). Se spenta ,questa funzione , accetta tutte le anomalie ,a -10 rifiuta molti segnali crescendo questo valore si hanno più segnali su rocce "calde " (mineralizzate) ma sempre attenuati rispetta a off .Il pro di questa funzione l'eliminazione di tanti segnali che distraggono la ricerca , il contro è che si rischia di perdere anche oggetti piccoli ma buoni con VDI a 95

Icone

È una rappresentazione visiva stimata in funzione del valore VDI rilevato dell' oggetto segnalato. Appare in alto a destra del display. Tuttavia, l'icona è spesso ingannevole e serve più che altro a dare un aspetto visivo al valore VDI dell'oggetto ritrovato. Le icone possono essere escluse o modificate sia in associazione che in tipologia a completo piacimento dall'apposito menu di discriminazione ….. se vi ingarbugliate nelle assegnazioni nessun problema scorrendo il menù c'è anche l'opzione di completo ripristino delle icone .
Per modificare le icone recatevi in ICON TABLE.
Potete scegliere innanzitutto la tipologia da adottare e quale icona associare per ogni VDI o gruppo di VDI. Nella sezione CUSTOM potete anche cambiare liberamente le icone o crearne anche solo a testo.
Le icone sono sempre legate ai vdi perciò sono legate alla profondità, disposizione, forma , materiale , impostazioni di normalizzazione ,ecc del target, etc.
L'utilizzo delle icone potrebbe rallentare a causa degli aspetti visivi in modo infinitesimale il processore , perciò se non le utilizzate "delete" … cancellatele! Comunque servirsi o no delle icone o meno è solo una preferenza estetica ,non influisce sulla resa complessiva del v3i infatti l'incremento in velocità senza icone è irrilevante!

Inhibit

Funzione opzionale del bilanciamento automatico del terreno che determina un arresto del segnale appena la piastra supera un possibile obbiettivo. Selezionato inoltre elimina tutti quei segnali che hanno un'alta probabilità di essere causati da un suolo mineralizzato o da Hot rock. Così facendo previene gli errori causati da anomalie del terreno nella zona di ricerca. È consigliato per più tipi di ricerca. Off è suggerito per la modalità prospezione. A volte su obbiettivi molto vicini alla superficie e privi di effetto alone nel terreno circostante può determinare un suono secco e breve anche per oggetti di 2-3 centimetri di diametro , questo nonostante il valore VDI sia chiaro e reale potrebbe ingannare sulle dimensioni dell' oggetto.

Live Controls

tutta la parte inferiore del display offre un rapido e facile menu di adeguamento di tutte le impostazioni di maggior rilevanza per il metal detector nel programma selezionato.portarsi nell' apposita sezione del menu expert / configure /live controls Utilizzare FRECCIA SINISTRA e DESTRA per evidenziare una caratteristica, quindi FRECCIA SU e GIU 'per regolare ,ENTER per attivare o disattivare una voce in particolare. Il vantaggio consiste nel evitare di aprire il menù interrompendo di conseguenza la ricerca. (un ricordo delle veloci impostazioni a potenziometri …… manopoline!) notiamo che tutti i controlli sono relativi in modo specifico ai programmi . per esempio se vogliamo sperimentare il volume mixato in cuffia in relic andremo e in impostazioni audio , menù che invece non è presente in coin!
I live controls sono modificabili entrando nel menu expert entrando nel sottomenu configure - live controls - extend -
Da qui con size possiamo deciderne la dimensione , con style come appariranno (ponendo in avnti il grilletto ne avremo un 'anteprima) (se selezioniamo specific possimo adattarli uno ad uno! . Warp permette se selezionato di scorrere i live controls in modo circolare e continuo senza dover per forza tornare indietro , in pratica arrivato all' ultimo controllo della barra per tornare al primo basta premere di nuovo in avanti invece di riscorrela tutta al contrario , Action invece ci permette di decidere come farapparire la barra pop up la fa espandere e richiudere , hide la nasconde efull ce la lascia sempre aperta. EXTEND ci permette la personalizzazione , premendo enter si apre il menu order e con enter si seleziona una voce e la si sposta mantenendo premuto enter e muovendesi con le frecce su e giù fino a definire l'ordine e le voci più gradite e tutto ciò che resta sotto a "end" non verrà visualizzato.
premendo il tasto ZOOM si va in altri sottomenù più specifici
Quali le voci più utili? ….
- PROGRAM
- SENSIVITY
- TXBOOST
- FREQUENCY
- AUDIO LEVEL/TONE
- GROUND/TRACKING
- GROUND FILTERING
- RECOVERY
- BACKLIGTH
- "END"

Match Search

È la voce presente in menu expert /filter & speed /analisis . Se selezionata conseva anche nell' analisi del segnale le impostazioni scelte in ricerca dalla voce search posta subito sopra .
Per comodità si tiene questo parametro barrando la casella , ma a volte bisogna fare attenzione in quanto solitamente la scansione viene eseguita molto più lentamente perciò per avere rapporti più precisi e corretti meglio diminuire il filtro e alzare il recovery delay.

MINERALIZZAZIONE e la sua misura - MENU PROBE

Innanzi a tutto stiamo parlando di analisi che ci forniscono un' immagine di come il metal vede il contesto di ricerca .
Alla fine di tutto ci porteranno a decidere in base all' intuito e all' esperienza settaggi e impostazioni che, giuste o sbagliate che saranno, deriveranno da scelte consapevoli e ponderate necessarie per l'apprendimento e il miglioramento .
Lo spectra v3i è dotato di una funzione SONDA (PROBE) in 2 sottomenu della barra dei comandi live SENSIVITY (probe) e GROUND TRACKING (Ground Probe)
Per entrare nel menu probe selezionate sensivity espandetelo con enter o con freccia su quindi premete ZOOM , posizionatevi con le frecce su e giù in modo da selezionare la voce RXGAIN in modo da far apparire sulla destra un nuovo menu di rilevazione dove al variare dell' rx gain (con le frecce dx e sx ) potete valutare il SIGNAL e IL NOISE.
L'dea di fondo di questa analisi è valutare le impostazioni massime consentite dal terreno in modo consapevole adottando un valido strumento di misura. La ricerca accompagnata da segnali di disturbo che si può attuare con settaggi estremi permette di sfruttare al massimo le qualità penetrative del segnale del metaldetector ed è adatta (per il cercatore esperto che ne è in grado) di rilevare obbiettivi molto profondi , ma d'altro canto i disturbi mascherano i segnali di obbiettivi piccoli (o che danno segnali deboli) anche se superficiali .
1) IL signal è espresso come un valore in % che appunto indica la percentuale del segnale trasmesso che si sta perdendo perché degradato dalla mineralizzazione del terreno e/o da altri tipi di interferenze elettromagnetiche. Difficilmente il 100% del segnale trasmesso viene ricevuto senza perdite ,ma se il livello si avvicina o supera il 50 % allora è inutile mantenere un livello di gain così elevato e conviene abbassarlo subito
2) il Noise (o rumore o disturbo ….. se preferite) è espresso in % indica il livello di disturbo ambientale. Con un Noise basso è consigliabile aumentare il RX Gain . Se il noise si presenta alto invece si può intervenire in diversi modi, il primo è tentare di modificare l'off set delle frequenze, poi modificare la frequenza passando ad una più alta (se il disturbo è dovuto a EMI), in alcuni casi il cambio della piastra con una che risente meno dei disturbi potrebbe rivelarsi la soluzione azzeccata , infine arrendendoci dobbiamo abbassare gain e la disc della sensibilità .
Ground Probe è il menù che partendo dal live controllo Ground Tracking si accede premendo il tasto ZOOM e selezionando con il tasto tab il comando Zero nella parte bassa dello schermo . Si opera così : alzate la piastra in aria e premete ENTER sopra ZERO , ora abbassate la piastra a terra e verranno mostrati alcuni importanti valori del segnale ricevuto in quel punto.
Ecco ciò che apparirà:
- La Phase è il ritardo di Fase sotto forma di VDI normalizzato che ci indica quale mineralizzazione prevale . Vicino a -95 prevale quella ferrosa , a 0 quella salina.
- L'angolo di fase in gradi (360 gradi di phase) in percentuale per ogni singola frequenza . Indica a livello numerico il livello di ritardo di fase del segnale ricevuto..
Un valore PHASE troppo vicino ai 180° o allo 0 disturba un' esatta associazione dei valori vdi limite vicino a -e+ 95 . Si consiglia perciò di utilizzare la frequenza che risente meno di questi squilibri .
-la forza del segnale Strength, identifica l'effetto che il segnale proveniente dal terreno esercita segnale rispetto alla frequenza che utilizziamo 0 al 15 % indica un' area non soggetta a disturbi , dal 20 al 40% con disturbi moderati più del 40% con disturbi evidenti . L'interpretazione però risulta ambigua se da un lato ci indica al crescere del % la frequenza più soggetta a fenomeni di falsi segnali e iper-sensibilizzazione (quindi all' overload) , dall' altra evidenzia (sempre al crescere del %) quella che riceve meglio il segnale e dunque quella più performante …… L'idicazione utile fornita è che : maggiore è il % di strength maggiore sarà il filtro più ground adatto , con tutti gli annessi e connessi del caso che la modifica di un filtro comporta.

Mixed Mode (e) Pro,

Note …. Ricerca insieme in motion e no motion ! in questa modalità si avrà la ricerca contemporanea in modalità MOTION e NON-MOTION. E si sfrutteranno i pregi derivanti dalla sinergia di questi due sistemi di ricerca!
La modalità NON-MOTION permette di raggiungere un livello di profondità e sensibilità DECISAMENTE superiore a quella MOTION. Ma la mancanzadi IDENTIFICAZIONE/DISCRIMINAZIONE "ACUSTICA" dei target fa spesso preferire l'utilizzo della modalità motion
La ricerca segnalerà con suono NON-MOTION tutti i target RIFIUTATI dal programma di discriminazione e con un mono-tono o multi-tono MOTION tutti i target ACCETTATI dal medesimo programma.
1) VELOCITA' DI IDENTIFICAZIONE: Il NON-MOTION mode inizia a segnalare il target ANCHE PRIMA CHE LA PIASTRA CI SIA PROPRIO SOPRA. Questo permette di individuare con maggiore precisione e velocità i target sepolti.
2) PRECISIONE DI IDENTIFICAZIONE: Collegato al punto 1, il suono NON-MOTION, specie se abbiamo attivato il VCO che fa diventare il suono più acuto e più forte quando la piastra è esattamente sopra al target, permette una precisione assoluta di centratura ed una conseguente MIGLIORE IDENTIFICAZIONE DEL TARGET in modalità MOTION.
3) DIMINUZIONE DELL'INCERTEZZA=AUMENTO DELLA EFFETTIVA PROFONDITA' DI RILEVAMENTO: In caso di target molto profondi, dove il modo MOTION potrebbe restituire un segnale acustico NON SEMPRE PERFETTAMENTE RIPETIBILE e che quindi potrebbe essere scambiato per un falso segnale, grazie alla parte NON-MOTION comunque il MD ci darebbe la certezza che "li sotto qualcosa c'è"…
4) AUMENTO DELLA QUALITA' E QUANTITA' INFORMATIVA: Come è ovvio, il Mixed-Mode ci darà quindi informazioni acustiche sia di tipo MOTION-ALL METAL-ZERO DISCRIMINAZIONE che di tipo NON MOTION-DISCRIMINAZIONE ATTIVA. Se poi vogliamo "esagerare", con il multitono attivo avremo anche un'informazione acustica di che tipo di target (accettato) si trova sotto la piastra.
Quali sono le controindicazioni a questo potentissimo modo di ricerca?
1) In caso di elevato "inquinamento" da ferro, il metal diventa molto rumoroso e diventa davvero difficile capire bene cosa ci sia sotto terra
2) Imparare bene a padroneggiare questa tecnica, specie se vogliamo utilizzarla con VCO acceso e Multi-tono, richiede tempo, pazienza e nervi saldi…
Il mixed mode non è indicato per situazioni ad alto inquinamento ferroso.
Note : il Mixed Mode e' misto tra motion e no motion, percio' hai sempre la discriminazione sonora e VDI attiva sul target.
Il Mixed Mode, esclusiva dei prodotti White's di fascia alta (Spectrum, XLT, DFX e V3/i), rappresenta uno dei modi operativi di ricerca più sofisticati ed avanzati nel panorama degli attuali prodotti sul mercato.
Necessita di un movimento continuo della piastra perchè il "Mixed Mode" è un "mix" delle due modalità di ricerca motion e non motion.
Il Mixed Mode del V3 si distingue in efficacia perchè la parte audio NO MOTION è acusticamente definita, bassa e dettagliata distinguendosi molto bene dall'audio MOTION
Utilizzando le cuffie nel V3i i due canali audio motion e no motion sono separati nelle 2 cuffie (canale sinistro e destro)

Monofrequenza e disturbi

-Utilizzando il metal in monofrequenza tutta l'energia viene convogliata in quell' iunica frequenza utilizzata perciò il metal risulta più sensibile e instabile rispetto all' utilizzo in 3 . per eliminare il problema la sensibilita' va ridotta.
-RX è il segnale puro e perciò è quello ricco di informazioni e di disturbi , in caso di problemi di stabilità ridurre questo e aumentare la discriminazione della sensibilità!
-in terreni particolarmente ostici , si può impostare anche il parametro SALT in monofrequenza … questas impostazione desensibilizza i disturbi derivanti da mineralizzazioni saline con VDI attorno al valore 0

Monofrequenze peculiarità

2.5 kHz - Garantisce una sensibilità migliore ai metalli ad alta conduttività come argento e rame. E' anche la migliore soluzione per operare in condizioni di alta mineralizzazione a causa delle modalità del sistema di bilanciamento del terreno.
7.5 kHz - E' la migliore frequenza "tutto fare". Non predilige una tipologia particolare ma da buoni risultati un po' con tutto.
22.5 kHz - Questa è la frequenza che dovremmo utilizzare se cerchiamo oggetti minuti (piccoli gioielli, fiocchi d'oro etc) e per i metalli a bassa conduzione come oro e nickel. E' la frequenza che si dimostra più efficiente in condizioni di mineralizzazione bassa .
Le frequenze più basse "TENDONO" a comportarsi meglio in condizioni di elevata mineralizzazione perché danno valori di vdi più bassi che tenderanno ad essere più lontani dal + 95 rispetto a quelli derivanti d a frequenze più alte che invece "TENDONO" a comportarsi meglio in condizioni di bassa mineralizzazione perché alzando la scala dei vdi tenderanno a non perdere oggetti piccoli che avrebbero valori prossimi allo 0.
Multifrequenza
La scelta di utilizzare le tre frequenze tutte insieme è invece praticamente un must in quando si cerca in battigia o in acqua di mare, proprio perchè solo in questa modalità il V3 garantirà la migliore cancellazione contemporanea sia della mineralizzazione ferrosa (variabile) che salina (fissa) attraverso la cosiddetta "Signal Subtraction".

MULTIFREQUENZE e algoritmi di ricerca

Vantaggi: discrimina meglio, precisone vdi
Svantaggi: sfonda di meno della monofrequenza, non sente gli oggetti buoni se molto vicini al ferro
1) BEST DATA algoritmo di ricerca nell' impostazione a 3 frequenze in contemporanea (multifrequenza)- Ovvero il V3 prenderà il migliore dei segnali tra le tre frequenze ignorando le altre due. PRO: E' la modalità che fornisce la migliore discriminazione in assoluto e, tra le modalità multifrequenza, è quella che va più a fondo. CONTRO: Rispetto alla (giusta) monofrequenza non è altrettanto performante in termini di profondità. Non è il massimo in battigia e in acqua di mare

2) CORRELATE MODE algoritmo di ricerca nell' impostazione a 3 frequenze in contemporanea (multifrequenza)- In questo caso lo Spectra verificherà se c'è appunto una correlazione tra le tre risposte. In caso positivo darà la segnalazione del target, in caso negativo (ovvero con risposte NON coerenti) ignorerà il tutto. PRO: Questa modalità è la migliore in caso di elevato inquinamento da ferro. CONTRO: E' la modalità monofrequenza che va meno a fondo. Non è il massimo in battigia e in acqua di mare.

3) SALT COMPENSATE algoritmo di ricerca nell' impostazione a 3 frequenze in contemporanea (multifrequenza)- Questo modo implementa sia l'algoritmo BEST DATA che quello di "SALT SUBTRACTION". Quest'ultimo algoritmo provvede a bilanciare il V3 anche verso il sale marino/alcalino insieme al tradizionale bilanciamento verso la mineralizzazione ferrosa. E' la migliore modalità per l'uso in battigia e in acqua marina CONTRO: A parità di sensitivity, si potrebbe notare un pochino di sensibilità in meno sui piccoli oggetti in oro. Questo perchè il Segnale dell'Oro Piccolo e quello del Sale sono molto vicini nella scala VDI e l'algoritmo SALT COMPENSATE va proprio a diminuire la sensibilità in quella zona

Normalizzazione

La normalizzazione è una funzione studiata per i metal white's che permette una volta attivata operando in ricerca mono-frequenza di riportare tutti i risultati delle vdi ad una base comune , compensando e correggendo in automatico i valori come se si stesse usando sempre la frequenza standardizzata di 6.595 Khz. Viceversa se disattivata , per uno stesso target, cambiando frequenza si avranno VDI risultanti diversi tra loro. Questo perché "Frequenze diverse producono ritardi di fase (e quindi VDI) diversi". Normalmente a frequenze più alte, a parità di target corrispondono risposte spostate verso l'alto nella scala di VDI e viceversa l'utilizzo di una frequenza più bassa produce riferimenti di vdi più bassi.
Normalizzare ,cioè imporre un'unica base di riferimento comune ha il vantaggio di facilitare il riconoscimento de i target tramite l'associazione del VDI (target identici produrranno ora più o meno lo stesso VDI in ogni frequenza) , con l'estrema comodità di poter modificare frequenza e/o programma senza il pensiero di dover interpretare diversamente i risultati . Di contro non normalizzando si ha che la differenza dei VDI diventa più ampia. Questo garantisce una migliore capacità di identificare il target ,garantendo un' associazione dei vdi più corretta .
L'utilizzo della frequenza a 22.5 mHz produce l'effetto di innalzare notevolmente i valori della scala e di ampliare sensibilmente i VDI della parte medio bassa fornendo una maggiore distinzione tra alluminio e oro ma portando i valori del rame e dell' argento molto prossimi a + 95 .Ora valutiamo questo punto , il +95 è considerato dal metal un valore associato ai punti caldi …. Cioè disturbi , se a questo aggiungiamo la possibilità del warp per oggetti profondi a -94 -94 arriviamo a comprendere quanto possa diventare rumorosa e difficile una ricerca in queste condizioni . Aggiungiamo inoltre che in zone molto mineralizzate dove la mineralizzazione ferrosa è a livelli alti , il bilanciamento a terra porta la desensibilizzazione del metal a vdi prossimi a - 95 con la possibilità dell' effetto WARP anche a +95 e +94. Sommando i vari effetti se ne deduce che lavorando a frequenze alte bisogna fare attenzione nell' impostare correttamente la discriminazione accettando anche i valori di vdi di fondo scala o in alternativa in terreni con una forte componente ferrosa mettersi il cuore in pace e utilizzare la normalizzazione o passare alle altre 2 frequenze (2.5 e 7.5 mHz).
L'utilizzo della frequenza bassa a 2.5 mHz porta un abbassamento della scala di oltre 15 punti sotto lo 0 . In parole semplici le monete sottili in lega d'argento o le stagnole che prima suonavano a da 0 a +5 ora sono rilevate con vdi da -15 a -10.Si consigli perciò se si utilizza la 2.5mHz non normalizzata di modificare immediatamente la discriminazione accettando anche i primi 20 valori negativi e nel caso ricordarsi di modificare anche i toni ad essi associati !
L'aggiornamento da V3 a V3i ha molto migliorato la stabilità del metal e l'effetto warp risulta molto più contenuto, ma nonostante ciò è bene ricordare che se il problema è risolto per obbiettivi superficiali più un target è profondo, più l'indicazione VDI sarà "ballerina" e maggiore è il rischio di entrare in zona discriminata!

OFF-SET ….. ground traking

ofset + aumenta la sensibilità ai targhet piccoli .... ofset - migliora le prestazioni nel mineralizzato .
Offset è un parametro regolabile da -100 a +100 e fornisce la possibilità di sbilanciare il bilanciamento automatico in funzione di necessità o preferenze di ricerca . + Migliora la sensibilità bersaglio piccolo in terreni difficili , con la presenza di rocce calde e riduce le risposte del minerale macinato potenziando il segnale target rendendolo ben definito , agglomerati di ferro ecc, ma si perde in efficacia su obbiettivi profondi . "-" Migliora la risposta di segnali decisi di oggetti anche ferrosi in terreni con scarsi disturbi come pietraie

OFF-SET ….. frequenze

Serve per diminuire i disturbi dovuti a fenomeni elettromagnetici esterni (EMI) dovute a metal detector che operano vicini e da interferenze di apparecchi elettrici che operano nelle vicinanze (anche il cellulare può dare disturbi). Permette di modificare qualsiasi singola frequenza o tutte le frequenze al fine di evitare interferenze esterne . Il parametro va da -5 a 0 (variazione nulla) a +5. L'utilizzo di questo parametro non modifica concretamente la frequenza ma compensa la frequenza operativa sfasandola solo leggermente in modo da non permettere la risonanza tra la frequenza operativa e la frequenza delle EMI. Non influenza in modo significativo le prestazioni , consente un impostazione del Gain Rx superiore in quanto meno soggetto a sovraccarichi.
Come trovare la frequenza di offset più silenziosa :portatevi nel modo che preferite , dal menù o dalla barra fino a Frequenza di trasmissione-Offset. Premere il grilletto per entrare in modalità Pinpoint .Provate le differenti compensazioni e trovate l'impostazione che dà il minimo rumore . Quindi ….. cominciate a cercare.
Questa funzione non ha nulla a che vedere con le interferenze delle cuffie wireless

PIASTRA , test di integrità e/o compatibilità.

Se regge RX=15 e Boost su OFF TENNDOLA IN ARIA... la tua piastra è PERFETTA - A PRESCIDERE dagli altri parametri……….. LA PROVA è TANTO MIGLIORE E AFFIDABILE TENENDO BOST SU ON !!!!
Non è altro che un Test empirico che non fa altro che valutare se la piastra non ha difetti .Per essere realisti considerando che linea di massima le interferenze emi non sono quantificabili già "12" è un valore che indica perfetta salute . Ripetere il test in tutte le frequenze per verificare la compatibilità completa ; non tutte le piastre gestiscono i 22.5 mHz (solo le v-nulled ) .Se il test ci indica 2-4 allora la piastra è difettosa , rotta o non compatibile.

Piastre E CALORE

Alcune volte le piastre dei metal tendono a perdere il nulling, con conseguente instabilità, se in seguito a un forte surriscaldamento si deformano anche solo leggermente ; fenomeno che sparisce quando raffreddandosi tendono a riprendere la forma originaria.
Un altro fenomeno riscontrato è il surriscaldamento operativo della piastra , cioè le prestazioni in senso assoluto(stabilità , profondità , assenza di disturbi, ecc) migliorano dopo qualche decina di minuti di ricerca questo per un effetto resistivo della piastra che funziona al 100% solo quando raggiunge e stabilizza la sua temperatura ottimale di utilizzo.

Pinpoint (centratura dell' oggetto)

il pinpoint è una modalità utilizzata per individuare esattamente la posizione esatta dell'oggetto segnalato . Funziona in modalità all metal cioè suona in modo indistinto qualsiasi metallo ferro o rame che sia non applicando discriminazione alcuna anche se nel programma che utilizzate è selezionata ; inoltre il metal diventa operativo in modalità no-motion cioè non necessita di movimento per rilevare
Per utilizzarlo una volta trovato un segnale valido , tirare e tenere tirato il "grilletto" (verso l'impugnatura) e sondare l'area dove è stato individuato l' oggetto con lenti movimenti a "X" e circoscrivere la zona dove il "BEEP" è sentito più forte. Se il suono si propaga per un'area troppo vasta premere ENTER o ripremere il grilletto (ritenendolo tirato) dove il suono risulta di media intensità attivando in tal modo un azzeramento della misurazione in quel punto e quindi ripetere la procedura. Dopo una centratura difficoltosa è bene ripetere il bilanciamento manuale del metal!
In opzioni audio pinpoint :
- Attivando il vco il suono aumenterà anche di intensità avvicinandosi all' oggetto .
- Attivando il rauchet si ha l'effetto di azzerare il suono del pinpoint dopo l'esatta centratura dell' oggetto , da un lato è comodo e preciso , dall' altro in caso di obbiettivi multipli , visto che il pinpoint non distingue i tipi di metallo confonde molto le idee
La lettura della profondità è visibile nella parte alta per attivare la misurazione in centimetri entrare nel menu principale e selezionare la voce METRIC .
attenzione la taratura della profondità è legata alla piastra che utilizzate perciò se cambiate piastra dovete controllare nel menù principale e selezionare la piastra utilizzata , in mancanza della voce apposita selezionate quella più simile .
La potenza della ricerca in pinpoint nello spectra v3i è regolabile aumentando o diminuendo in sensivty la componente all metal -no motion della ricerca.
BLOCCARE il pinpoint è utile nell' utilizzo di piastre di profondità o per l'utilizzo di sonde di centratura (tipo le sunray) la procedura è la seguente : tirare il grilletto e mentre lo si tiene tirato premere ENTER quindi rilasciare il grilletto prima e enter poi , in tal modo blocchiamo la modalità pinpoint che funzionerà finchè non decideremo di ripremere il grilletto

Programma :eliminare le modifiche

Modifica su modifica ci si può perdere nelle impostazioni finendo per snaturare il programma , perciò per resettarlo ed averlo nuovo si opera dalla schermata dei menù selezionando l'icona programmi (senza per forza utilizzare il menu expert)
- premere MENU
- premere ENTER nel riquadro delle modalità di ricerca
- scorrere l'elenco verso il basso fino a RESTORE
- quindi premere ENTER
- ora appare la ricerca selezionata al momento , ma la si può cambiare con le frecce SU & Giù
- ripremere MENU e ora si ha la possibilità di resettare la ricerca (RESTORE) o di uscire (EXIT)
- con le frecce DXeSX selezionare RESTORE e quindi premere ENTER
- ora di fianco alla modalità di ricerca apparirà la "V" invece del "TRIANGOLO"
tirare la levetta finchè non si torna alla ricerca
Non sono contemplati nei ripristini tutte le impostazioni seguenti : Retroilluminazione, metriche, Share, selezioni Wireless, Offset della frequenza, (Menu - Dimensione, Expert, Wrap, Top), (Control - Dimensione, Wrap, Min, Hide) Tipo di batteria, tempo di spegnimento automatico, fare clic su Chiave, Effetti, Audio Samples, Stato normale, Auto Track Report, Segnalibri. Poco male , ma è bene saperlo. Per ripristinare in toto il programma nativo è necessario seguire la strada del menu expert

Recovery Delay

( 1 - 200) 200 = più lento . L'impostazione di questa variabile permette di regolare la reattività del v3i nella rilevazione di 2 oggetti vicini. Impostando il parametro a 1 il tempo di reazione diminuirà e 2 oggetti molto vicini verranno individuati nettamente in modo distinto l'uno dall' altro , ma in tal modo si perde in efficacia penetrativa . Viceversa un tempo di risposta più lungo è consigliabile per individuare gli obiettivi in profondità.
L'impostazione recovery è consigliabile a valori bassi in aree molto sporche con notevole densità di segnali dove la presenza di ferro e/o immondizia potrebbero nascondere segnali buoni , in aree pulite questo filtro serve a poco e diminuisce solo le prestazioni! Ma se tenuto troppa alto il metal sembrerà lento e sempre in ritardo sui segnali !!!!!
Valutate attentamente per impostare questo parametro il Ground Filter, la mineralizzazione terreno, la densità di spazzatura e la vostra velocità media di passata.

Report - AUTOTRAK

Se attivato vedrete apparire di tanto in tanto le informazioni relative nella parte inferiore del display (che sostituisce temporaneamente il nome del programma).
Monitorizza il bilanciamento del metal in modo"visuale " attraverso l'utilizzo di frecce che se puntano a destra indicano un aumento dal bilanciamento ,mentre a sinistra indicano una diminuzione. Può essere un suggerimento per bilanciare la piastra o un avviso per vedere se sei in " Overshooting" (Numero eccessivo di bilanciamenti) o Undershooting (Numero troppo scarso)

Rx GAIN

(REGOLABILE Da 1 a 15) 15 = più alto. Chiamato preamplificatore regola la ricezione del segnale direttamente dalla bobina , prima ancora di essere analizzato dal metal stesso. Se aumentato migliora il livello del segnale rendendo il metal più sensibile e potente. Risente dei disturbi elettromagnetici , è consigliabile regolarlo al massimo possibile premesso dall' ambiente di ricerca.
Il segnale di preamplificazione è il segnale puro senza alcun tipo di filtro. Il segnale generato possiede una maggiore purezza e un'estrema ricchezza di dati, purtroppo anche i disturbi vengono amplificati, perciò su un terreno pulito è meglio tenerlo alto, su un terreno sporco meglio abbassare il gain e aumentare il discr. della sensibilità!
La regolazione di questa impostazione va a modificare il punto di sovraccarico.
Si dice che un metal va in sovraccarico quando per la presenza di grossi oggetti metallici vicino alla piastra emette segnale acustico basso e gracchiante visibili dal display con la dicitura OVERLOAD . Qualora il metal fosse soggetto a frequenti sovraccarichi è necessario diminuire questo parametro. Se al contrario il segnale risulta liscio, stabile, e non si è mai soggetti a nessun sovraccarico si suggerisce una regolazione RX maggiore ,questo implica un aumento della sensibilità. Da notare che l'utilizzo di piastre non v-nulled comporta un abbassamento del punto di sovraccarico e impone gain più bassi o l'impossibilità di utilizzo alla frequenza di 22.5 mHz

SALT COMPENSE e riduzione dei falsi segnali

Impiega un filtro speciale che permette di bilanciare meglio il metal in ricerca multi-frequenza su spiagge di acqua salata, e zone umide con sali disciolti nel terreno come campi coltivati in modo intensivo con fertilizzanti (Sali di fosforo e azoto. Agisce valutando il segnale di disturbo proveniente dal terreno sottraendolo da quello rilevato dalla piastra , si perde in efficacia , ma si riesce ad ottenere la stabilità del metal alla massima potenza utilizzabile (la perdita può essere anche di carattere di definizione del segnale nei confronti di piccoli oggetti in oro in quanto l'algoritmo della compensazione salina va a diminuire la sensibilità in quei VDI).
In terreni mineralizzati non bisogna sottovalutare la scelta della frequenza a 2.5 per terreni ad alte mineralizzazioni fino a crescere a 22.5 per quelli dove regnano le interferenze EMI.
la SALT COMPENSATE stabilizza il metal anche in caso di forte mineralizzazione ferrosa perché tende a "smorzare" i segnali che ruotano intorno al VDI=-2,-1, 0, +1 ,+2 , sia NON Ferrosi che Ferrosi tendendo a smorzare anche i falsi segnali. si avrà però una leggera perdita di sensibilità sull'oro piccolo (del tutto trascurabile!) e una leggera perdita di profondità che però risulta compensato dalla possibilità di settare Gain e Discrim Sens più alti per via della ritrovata stabilità .

SAT

(Self (auto) Regolazione Soglia) - Off - 40 . (A 40 è più veloce) - Regola la velocità alla quale la soglia è automaticamente mantenuta costante durante la ricerca. Utilizzabile per stabilizzare qualsiasi modalità. Valori alti ottimizzano il ronzio di fondo in modo ottimale ,ma richiedono una velocità di passata elevata per evitare di perdere segnali deboli confusi come una bassa variazione del segnale perché la piastra ha segnalato una variazione lenta nell' unità di tempo ! attenzione varia anche al variare delle dimensioni della piastra , maggiore è la piastra maggiore dovrebbe essere la velocità di passata . ( tutti i filtri del resto operano in questo modo segnalando le variazioni del segnale in un' unità di tempo e confrontano questo segnale con i parametri impostati .. in una ricerca motion quello che induce il segnale è il movimento della piastra perciò qualunque impostazione , prova , test facciate è necessario tenere presente questo parametro)

Span Limit

- selezionate l'intervallo di vdi entro il quale viene tollerata l'incongruenza e di conseguenza attivato il filtro di correlazione nella ricerca a 3 frequenze contemporanee.

Speed - AUTOTRAK :

speed - regolabile da 1 a 100 - è un' impostazione che regola la velocità dall' auto bilanciamento . se troppo bassa può produrre falsi segnali perché è come se non fosse bilanciato , se troppo alta tenderebbe a perdere i segnali troppo piccoli che verrebbero confusi come anomalie. Da regolare in base al proprio passo di ricerca
L' AUTOTRAC (La velocità di ripristino del bilanciamento a terra) non dipende, come potrebbe far pensare il nome, ne da tempo ne da spazio , ma è determinata unicamente dal valore di soglia di variazione del segnale di mineralizzazione.
Se imposti una SPEED bassa, sarà necessaria una variazione di segnale (legato appunto alla mineralizzazione ferrosa) più forte per attivare nuovamente il processo di AUTOTRAC. Parimenti, aumentando il parametro AT SPEED, farai diventare il metal più sensibile anche alle piccole variazioni. Ecco perchè avrai la sensazione che si aggiorni più spesso...
se il livello di segnale correlato alla mineralizzazione rimanesse IDEALMENTE sempre identico L'AUTOTRAC, a prescindere dalla sua SPEED, non si attiverebbe mai... Riducendo al minimo la Speed si alleggerisce il compito del processore evitando che il metal si bilanci di continuo ,
su terreni incoerenti speed bassa ( e tanta calma) altrimenti il metal sarebbe sempre in ribilanciamento
Offset sempre +1 per ovviare il fastidio di un bilanciamento

Threshold

è il rumore ronzante che si sente in sottofondo , detta anche "Soglia" , si consiglia di non tenerlo a 0 ,ma di regolarlo ad un livello appena udibile , .Il vantaggio dell' utilizzo della soglia si apprezza su oggetti molto profondi che ad una passata veloce non danno segnali distinti ma producono semplicemente un aumento dell' intensità del ronzio nel suono di fondo , quindi con una spazzolata più accurata si può avere un segnale di risposta pulito !

TX-BOOST

(on/off) permette di sovralimentare la bobina con un guadagno notevole in potenza anche del 30% . Detrmina un rapido consumo della batteria . E' sconsigliato in zone con interferenze elettromagnetiche (EMI) se si nota l'instabilità del segnale meglio spegnerlo

VCO

È un parametro valido sia in modalità all metal che pinpoint, il bersaglio una volta attivata la modalità risponderà con un incremento del suono sia in volume che in frequenza all'avvicinarsi della piastra ad esso.

VDI

il VDI è un piccolo numero che identifica il target! La scala VDI (Visione dell'Identificazione numerica della Discriminazione) conta da -95 a + 95. -95 - 0 rappresenta il negativo (magnetico-ferroso o acciaioso). 1-95 rappresenta il conduttore (non ferrosi , la maggior parte dei metalli preziosi). Il numero varierà a seconda dalle caratteristiche del metallo e dalla forma e dimensione dell'oggetto stesso. È altresì importantissimo ricordarsi che questi numeri VDI sono gli stessi numeri di riferimento utilizzati dello Spectra per creare i programmi di perciò è fondamentale riuscire a quantificarli e associarli ai vari oggetti per non cadere in errore quando si deciderà di personalizzare una ricerca.
Attenzione : a parità di oggetto modificando la frequenza o utilizzandole contemporaneamente tutte e tre cambierà il vdi assegnato(se normalizziamo in modo modesto se non normalizziamo in modo più deciso) . questo perché cambia l'analisi operata del segnale perciò utilizzando le 3 frequenze avremo una discriminazione migliore in quanto l'analisi sarà più precisa (a discapito però di un pochino di profondità persa!
VDI in funzione della normalizzazione delle frequenze
La scala VDI si rifà alla scala originaria White's dettata dalla frequenza di 6,595Khz.
1 -Frequenze diverse rispondono in maniera differente ai vari metalli .
2 - si ottengono VDI diversi per gli stessi oggetti al variare delle frequenze.
3-frequenze più alte, a parità di target, producono VDI più alti e viceversa.
4- utilizzando la funzione di normalizzazione (di default sul V3-V3i) non avremo variazioni nella scala VDI in quanto la macchina compensa in automatico e corregge i valori come se si stesse usando sempre la frequenza di 6,595Khz.
La normalizzazione è utile perché nel caso si cambino spesso i programmi è molto comodo avere sempre una stessa scala di riferimento
quando si lavora in mono-frequenza, è tecnicamente una soluzione più efficiente disattivare la normalizzazione perchè permette di riconoscere meglio i metalli a cui è più sensibile la determinata frequenza in quanto espande la scala nella zona dei VDI propri di quel metallo
La 22,5Khz ad esempio, da sempre dei VDI esagerati, qualunque metallo esso sia, col rischio di avere l'effetto WRAP e ricadere nei VDI negativi (-95 -94 -93).

visual reject

Il visual reject, se marcato, evita l'apparizione di tutti i vdi discriminati a display.
Quindi se viaggiate senza discriminazione alcuna, tenerlo acceso o spento non fa differenza.
Se invece lavorate in soglia e con discriminazione, potete tenerlo non marcato cosi' da poter vedere a display per quale vdi discriminato la soglia s'interrompe .
In terreni ricchi di ferro se non flaggato il display diventa un mare di segnalini che disturbano l'analisi del segnalee per migliorare la ricerca e non appesantire inutilmente il processore è meglio eliminare quest'analisi inutile flaggando la voce

WRAP

Effetto tipico delle frequenze alte che esaltendo i valori di vdi alti li fa addirittura saltare a fondo scala con valori di -95 ,-94 ,-93 !
E delle frequenze basse che su oggetti profondi dal segnale incerto esaltano il segnale portando vdi ferrosi di fondo scala a saltare al vertice con valori di +94,+95. Un target profondo produce inevitabilmente una serie più ampia di VDI rispetto a bersagli più superficiali.
I metal White's indicano con VDI=+95 anon solo le hotrock ma anche TUTTI QUEI TARGET COSI' PROFONDI DA NON POTER ESSERE ESATTAMENTE IDENTIFICATI . così potrà accadere sia che il ferro venga segnato prima bene poi male ! sia che segnali incerti da vdi esagerati passino poi nella zona di discriminazione l'impostazione serve proprio ad accettare tutti i segnali di questo tipo , ma a rischio di rendere più impegnative le riceche

WRAP LIMIT

indica di quanto permettiamo al valore Vdi massimo della freq. che risponde meglio di saltare la scala dei vdi (+95) e ricadere nei primi vdi negativi (-95, -94, -93) .....Wrap Limit regolazione impostabile da Off - <-90> allarga il margine di obbiettivo buono fino al vdi 95 che solitamente indicherebbe una roccia calda (punto di alta mineralizzazione , ma è da utilizzare solo per ricerche approfondite )


 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetterai il loro uso.Accept Read More
Privacy & Cookies Policy

 

In collaborazione con MEDIAELETTRA .
mediaelettra@mediaelettra.com
Electronics Company Italy 
Via Pediano 3A 40026 Imola Italy
Tel / fax 0542 600108 P.iva 02689511208
 www.metaldetectorpro.it

mediaelettra